Scacchi, scacchi e solo scacchi

Cinema, Peperoncini, Navi Spaziali, Barbecue, Fisica Quantistica… TUTTO!
il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Scacchi, scacchi e solo scacchi

Post by il bepi » 20/10/2004 11:02

Provo a riaprire un post sugli scacchi e prego gentilmente di evitare l'ennesimo spam oppure OT che ha contraddistinto quelli precedenti [POLEMICA = MODE OFF].
Innanzitutto eccovi una semplice legenda su come leggere e capire le mosse:
T= Torre
C= Cavallo
A= Alfiere
D= Donna
R= Re

Il movimento dei pezzi si segue così, ad es: 11. Df5 Ae6 Significa che all’11 mossa il bianco ha spostato la Donna in f5 e il Nero ha mosso l’Alfiere in e6; il movimento del pedone si “scrive” solo con la casella d’arriva ad es: 13. e7. Quando un pezzo mangia un altro pezzo questa rimane la dicitura 8. Txc5 exc5 significa che la Torre ha mangiato il pezzo in c5 e il pedone nella colonna “e” ha mangiato il pezzo in c5.

In questo post analizzerò alcune mie partite giocate con giocatori di vari livelli.
Il link che trovate quì sotto vi permetterà di seguire meglio questa prima partita.

http://utenti.lycos.it/spidermansite/oo/bepi_pgn.htm

E' una tra quelle che mi ha più divertito in quanto giocata contro un ottimo avversario (un "quasi" maestro) che però forse mi aveva sottovalutato. Ma vediamo di analizzare la partita insieme. Io utilizzo il nero e lui il bianco:

All’inizio la partita non mi ha entusiasmato in quanto non sono un amante delle aperture lato donna. Comunque dopo il gambetto di donna iniziale la partita è andata avanti in maniera equilibrata con entrambi che cercavamo di costruire una buona struttura di pedoni, ma negli scacchi un errore (in questo caso dettato dalla fretta che aveva il mio avversario a causa del poco tempo rimastogli) può trasformarsi in una catastrofe. La pressione di dover giocare molte mosse entro un dato limite (ristretto) di tempo, può causare abbagli clamorosi.

Image

In questa posizione, dopo la mossa del Nero 22...Tc5, entrambi avevamo circa dieci minuti a testa per le restanti 18 mosse prima del controllo del tempo. E il Bianco, che fin quì aveva condotto una partita tutto sommato buona, effettua una mossa che si può spiegare solo con l'effetto 'negativo' esercitato dall'ansia del tempo che scorre inesorabile: 23. Aa3? Ovviamente l'idea alla base di questa semplice 'combinazione' era che dopo: 23...Txc3 24.Dxc3 Dxc3 25.Axe7, si creava il presupposto per uno scacco matto in ottava con Td8. Ma un 'trucchetto' di questo genere non può funzionare a quando si ha un po’ di confidenza con le scacchiere, soprattutto allorchè restavano ancora ben dieci minuti al sottoscritto, per valutare bene con attenzione i pericoli insiti nel sacrificio di Donna del mio avversario.
Infatti dopo aver proseguito come nella variante descritta sopra, giocai 25...f5! e il mio avversario si rese conto che aveva da giocare altre 15 mosse con circa nove minuti di tempo, in un finale complesso, di due Torri contro la Donna (con un pedone in meno: 3 contro 4). E finì per perdere anche per via di imprecisioni decisive, commesse proprio sotto l'assillo del tempo che avanzava inesorabile.
Io stesso feci tesoro di questa esperienza (pur positiva per me), cercando di ricordarmene in seguito: mai affrontare una fase di drammatica scarsità di tempo avviando un piano con complesse implicazioni tattiche. Soprattutto se non si è in una situazione disperata. Meglio provare ad arrivare al controllo del tempo cercando di non compromettere gravemente la propria posizione.

Per chi volesse delucidazioni o avesse domande sarò lieto di rispondere altrimenti arrivederci alla prossima partita :klap:

Ed ecco la mia nuova sign :asd:
Image
Last edited by il bepi on 28/10/2004 18:36, edited 2 times in total.

User avatar
France
Veteran
Veteran
Posts: 2746
Joined: Jun 2003
Location: Zürich, CH

Post by France » 20/10/2004 13:31

te la sentiresti di fare una introduzione su cosa e' la tattica negli scacchi, e cosa pensa un giocatore esperto quando affronta una parita?

Cerco di spiegarmi meglio, come si interpreta una apertura piuttosto che un'altra. Come ci si comporta? Io queste cose le imparo sempre e solo perdendo migliaia di partite e poi a forza di sbatterci contro tiro le mie conclusione ma a scacchi per adesso non sono ancora arrivato a un livello di consapevolezza del gioco.

Quindi se tu mi spiegassi meglio cosa a cosa bisogna fare attenzione ai trucchetti e tattiche avanzate te ne sarei molto grato.
Image

User avatar
Nyarlath
FoOrum PRO
FoOrum PRO
Posts: 589
Joined: Mar 2004

Post by Nyarlath » 20/10/2004 14:51

C'è un problema:
- C'è un cavallo in A1 e un altro in A3.
- La mossa dice: 18. Cc2.
Quale equino si è mosso?
C'è una notazione standard per indicarlo?
(Lo stesso problema si pone con due torri disposte su una linea.)

Tnx in anticipo per la risposta.
Se vuoi possiamo fare una partita prima o poi, anche se sono debole quasi come a tft.
Image
- Due lettere ripetute due volte @ Horror Gaming!

User avatar
Nyarlath
FoOrum PRO
FoOrum PRO
Posts: 589
Joined: Mar 2004

Post by Nyarlath » 20/10/2004 17:05

Un anno fa ho fatto un programma che legge le history mandate da yahoo! (Zippato occupa 17kb.)
Se qualcuno e' interessato, me lo faccia sapere.
Image
- Due lettere ripetute due volte @ Horror Gaming!

il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Post by il bepi » 20/10/2004 17:06

C'è un problema:
- C'è un cavallo in A1 e un altro in A3.
- La mossa dice: 18. Cc2.
Quale equino si è mosso?
C'è una notazione standard per indicarlo?
Ottima domanda e ovviamente c'è anche una risposta. In un certo senso la trovi già nella partita che ti ho messo online alla mossa 36. T5d3 ossia la torre che nella fattispecie sta nella riga 5 va in d3. Avesse voluto muovere l'altra avrebbe sarebbe stata 36. T1d3. Ovviamente se fossero messe in posizione opposta si userebbe la colonna anziché la riga.
Nel tuo esempio sarebbe quindi18. C1c2 se avessi voluto muovere il cavallo in A1 e C3c2 per il cavallo in A3.

La richiesta di France invece è un pochino più lunga da spiegare per cui visto che mi sono rotto e voglio andare a casa te la scriverò domani :wink:

Bepi :bepi: & Banana :banana:

P.S: di software che leggono i file .pgn di scacchi ce ne sono a gogo, ma non sarebbe male provare il tuo. Beh... a scacchi io invece sono l'esatto opposto di TFT... eheheh Direi che me la cavo mooooooolto bene :wink: Però non disdegno MAI partite a scacchi con chiunque!

ZeAvIs_o.O
FoOrum Enthusiast
FoOrum Enthusiast
Posts: 330
Joined: Jul 2003

Post by ZeAvIs_o.O » 20/10/2004 18:35

Ho sempre desiderato imparare a giocare a scacchi ma richiede davvero tanto tempo e dedizione... e poi quando si perde non si può dare la colpa al lag oppure all'imba :asd:

il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Post by il bepi » 21/10/2004 07:59

Beh, a scacchi non basta solo giocare tanto tanto, anche se è sicuramente utile, così come è utile analizzare partite di grandi giocatori, ma gli scacchi sono soprattutto studio, studio e studio. Il problema è che se analizziamo e leggiamo i commenti di grandi giocatori NON CAPIAMO nulla. E' assolutamente spaziale quello che riescono a vedere sulla scacchiera: linee pazzesce, strutture incredibili. E spesso non si capisce ugualmente il loro commento o non si comprendono le loro note!
Però è un gioco spettacolare :klap:

Bepi :bepi: & Banana :banana:

User avatar
Nyarlath
FoOrum PRO
FoOrum PRO
Posts: 589
Joined: Mar 2004

Post by Nyarlath » 21/10/2004 11:25

Questo programma e' garantito esente da qualsiasi cosa non indispensabile.
La grafica e' made in yahoo (vecchio stile).
Non aggiungo spiegazioni del suo funzionamento perche' sarebbe un insulto alla vostra intelligenza.

gg gl hf
Image
- Due lettere ripetute due volte @ Horror Gaming!

User avatar
snuffz
Veteran
Veteran
Posts: 4380
Joined: Jan 2003
Location: Torino
Contact:

Post by snuffz » 26/10/2004 12:11

"Oggi ho già vinto altre due partite" sussurra il bepi dell'altra parte della scrivania. Nessuna novità per oggi :asd:

CURIOSITA'
Bepi forse te l'ho già chiesto alla macchina del caffè qualche giorno fa, ma magari potrebbe interessare anche a qualcun altro...
cos'è la mossa del barbiere? ossia quell'apertura che consentirebbe di vincere in poche mosse? come si fa? ci casca ancora qualcuno?

il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Post by il bepi » 26/10/2004 13:09

Forse sono gnocco ma il software di Nyarlath non sono riuscito ad utilizzarlo :lol:
Ma vediamo di unire un paio di post scacchistici ossia quello di France e quello di Snuffz.

Come si affronta una partita e le sue fasi principali:
Apertura (fase 1):
Per apertura si intende la prima parte della partita, quando i giocatori sono impegnati nella fase dello sviluppo dei pezzi, per far assumere ai rispettivi schieramenti una posizione ottimale sulla scacchiera.
Non è facile definire con precisione dei criteri universalmente validi per iniziare bene una partita, ma si può affermare che è senz'altro fondamentale mobilitare fin dal principio il maggior numero di pezzi del proprio schieramento con l'obbiettivo sia di controllare il centro della scacchiera, zona altamente strategica di ogni partita, sia di porre il re al riparo dagli attacchi avversari nella fase del mediogioco, in attesa di attivarlo nel finale di partita quando diventerà un pezzo attivo a tutti gli effetti.
Su quale apertura utilizzare dipende da alcuni fattori; ad esempio se so che il mio avversario patisce un tipo di apertura subito ne approfitto. Ovviamente però anche io devo conoscere bene quell'apertura. E' meglio sempre non uscire da ciò che non si conosce all'inizio e con avversari di un certo livello. Ogni apertura ha così tante sfaccettature che si verrebbe malamente calpestati dopo pochissimo.
Medio gioco (fase 2):
È praticamente impossibile riassumere in breve spazio e soprattutto tempo, l'incredibile numero di temi tattici che possono presentarsi in una qualsiasi partita a scacchi, quindi ve ne mostrerò solo alcuni che ritengo i principali:
L'interferenza: appare abbastanza spesso nelle partite a scacchi e consiste nello spezzare il legame fra pezzo avversario difendente e pezzo avversario difeso tramite l'interposizione di un proprio pezzo lungo la linea che congiunge i primi due.
I pedoni mobili: i pedoni, i pezzi meno forti degli scacchi, possono talvolta diventare l'elemento decisivo nello scontro sulla scacchiera. La loro forza aumenta notevolemente se sono mobili, ovvero non bloccati da pezzi avversari, e soprattutto se possono avanzare fianco a fianco su colonne adiacenti
Scacco di scoperta: è un caso particolare d'attacco di scoperta che consiste nel dare scacco al Re avversario indirettamente, ovvero non con il pezzo che si è mosso per ultimo, bensì con un altro pezzo che vede prolungata la propria linea d'azione dal movimento del primo pezzo. Gli effetti dello scacco di scoperta sono molto variabili e vanno dal guadagno di un piccolo vantaggio posizionale fino addirittura allo scacco matto.
La batteria degli alfieri: gli alfieri in batteria, ovvero affiancati su due diagonali adiacenti, sono di sovente l'elemento decisivo in un attacco sull'ala opposta a dove essi sono posizionati.
Il vortice: è un tatticismo basato sull'azione di una batteria composta da una Torre ed un Alfiere. I due pezzi attaccano alternativamente il loro obbiettivo tramite il movimento oscillatorio della Torre su una colonna od una riga. Ed è proprio la Torre, con questo movimento, ad arrecare gravi danni allo schieramento avversario. Il vortice è un tema tattico non molto frequente sulle scacchiere, ma sicuramente è uno dei più spettacolari.

La strategia del mediogioco riguarda l'ideazione e la conduzione di un piano di gioco per riuscire a vincere la partita, o almeno per non perderla (assurdo ma è così). In tal senso la strategia non tratta di precise sequenze di mosse da compiere per ottenere un vantaggio materiale o per dare il matto (come invece accade con la tattica), bensì suggerisce la dislocazione ideale dei singoli pezzi o dell'intero schieramento per creare le premesse per un attacco vincente o una buona difesa.
Una casa (casella) della scacchiera viene definita forte se rispetta le seguenti tre condizioni:
1) è al riparo dall'attacco dei Pedoni avversari;
2) è vicina alle linee avversarie;
3) deve essere possibile controllarla con qualche proprio pezzo, al fine eventualmente di usarla come avamposto nel campo nemico.
Una casa invece viene definita debole se è forte per l'avversario

Come ho già detto ad alcuni di voi il controllo del centro della scacchiera assume un'importanza fondamentale in ogni partita a scacchi degna di questo nome. Infatti è proprio il dominio di questa zona della scacchiera a determinare in genere le maggiori possibilità di successo di un contendente sull'altro. Il motivo è dovuto al fatto che molti pezzi, e per primi i Cavalli, diventano molto più pericolosi se possono avere un ampio raggio d'azione, e proprio il centro costituisce per loro un'ottima base di partenza.
Altra cosa importante sono le colonne aperte; si dicono tali se su di esse non vi è alcun Pedone. Se invece ci sono solo Pedoni neri allora si dice che è semiaperta per il Bianco, e se ci sono soltanto Pedoni bianchi allora, ovviamente, si dice che è semiaperta per il Nero. Il possesso di una colonna aperta costituisce un notevole vantaggio, specialmente se si riesce a dominarla con le proprie Torri. Anche il controllo di una colonna semiaperta è importante, perchè talvolta si riesce a trasformarla in una colonna aperta mediante opportune mosse d'attacco
Infine c'è il sacrificio di qualità e s'intende il sacrificio di una Torre in cambio di una figura leggera, ovvero di un Alfiere o di un Cavallo.
Questo tipo di sacrificio si incontra abbastanza di sovente in certe varianti di apertura. Lo scopo di questo tatticismo è di solito quello di valorizzare maggiormente un proprio pezzo eliminando la figura leggera avversaria che gli impediva di controllare alcune zone nevralgiche della scacchiera.
Nelle partite fra campioni non è raro riscontrare sacrifici di qualità senza che si abbia un'immediata ricompensa materiale. Spesso, infatti, tale tipo di sacrificio viene utilizzato per ottenere unicamente ben precisi vantaggi posizionali.
Il finale (fase 3):
Il finale corrisponde a quella fase della partita in cui sono rimasti sulla scacchiera pochissimi pezzi per entrambi i contendenti ed il Re non è più un pezzo da difendere con attenzione ma diventa una figura molto attiva nella conduzione del gioco. Il finale non corrisponde invece necessariamente alla fase terminale della partita, dato che questa può benissimo concludersi durante il mediogioco o perfino in fase d'apertura, sebbene ciò sia abbastanza raro fra giocatori esperti. Le teorie sui finali sono ancora le più inesplorate e da codificare ma spiegano quando una partita finirà in parità, o lo scontro tra determinati pezzi come probabilmente finisce.


Per quanto riguarda il matto del barbiere citato da Snuffzolo, ormai credo che siano ancora pochi quelli che non la conoscono (ovviamente tra quelli che giocano a scacchi anche se poco). E' tra le trappole d'apertura più conosciute, con la quale il Bianco dà scacco matto al Nero usando la Donna e l'Alfiere campochiaro. Questa sarebbe la successione di mosse:

1. e4 e5 2. Ac4 Ac5 3. Dh5 Cc6

Il Nero ha difeso ingenuamente il pedone in e5, non avvedendosi della minaccia di matto:

4. Dxf7#

C'è comunque da specificare che il Nero può difendersi senza problemi da tale trappola giocando la mossa 3 ... De7.

Puf... puf... ce l'abbiamo fatta :asd:
Alla prossima :wink:

Bepi :bepi: & Banana :banana:

User avatar
Nyarlath
FoOrum PRO
FoOrum PRO
Posts: 589
Joined: Mar 2004

Post by Nyarlath » 27/10/2004 16:01

Istruzioni per l'uso del programma:
- Copiare il testo che viene spedito da yahoo al posto della scritta: Chess code here.
- Cliccare su Store.
- Mouvere la barra di scorrimento sotto la scacchiera.

Cosi' potete ammirare:
- Il matto del barbiere :twisted:
1. e2-e4 e7-e5
2. f1-c4 b8-c6
3. d1-h5 g8-f6
4. h5xf7++

Consiglio tattico: se Dh5 viene neutralizzato provate con Df3. Forse sarete piu' fortunati. :naughty:

- Il matto del deficente :menato:
1. f2-f3 e7-e6
2. g2-g4 d8-h4++
Image
- Due lettere ripetute due volte @ Horror Gaming!

il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Post by il bepi » 28/10/2004 14:45

Come avrete capito, bisogna avere sempre un piano quando si gioca a scacchi. Uno pessimo è sempre meglio che non averlo; questo è sicuro! In genere dopo 6-7 mosse bisogna crearne uno per il medio gioco. Ma cos’è esattamente un piano e come crearlo? Kasparov dice che "un piano è un ordine logico di operazioni finalizzate a raggiungere un concreto obiettivo, pronto ad essere modificato dalle mosse dell’avversario. Il piano deve essere costruito sulla base di una concreta valutazione della posizione e delle sue peculiarità". Quindi bisogna essere capaci ad analizzare le “formazioni di combattimento” da entrambe le parti e capire tutte le possibilità di una data posizione. Niente di più logico direte voi, ma come prepararlo?

Valutazione della posizione:
Se vogliamo dare retta a Kasparov (voi che dite? Può essere utile?), per prima cosa avremo bisogno di analizzare la posizione dei pezzi sulla scacchiera, esaminando le forze e le debolezze di entrambe le parti.

1) Disposizione del re
Entrambi i re sono arroccati e ben protetti da una barriera di pedoni o ve n’è uno (o entrambi) esposto o rinchiuso? Hanno i re pezzi avversari vicino che puntano su di lui? Hanno i re sufficienti pezzi da difesa vicino? Ci sono linee aperte o potenzialmente aperte davanti ai re? Ci sono casette disponibili per un’eventuale difesa?

2) Bilanciamento del materiale (dei pezzi)
I pezzi di una parte sono di maggior valore rispetto all’altro? Ogni attività di un pezzo (o la mancanza di esso) modifica il conteggio?

3) Tattiche possibili
Ci sono opportunità tattiche in quella posizione? Ha una parte o l’altra una debolezza tattica che può essere sfruttata?

4) Spazio e centro
Quale parte controlla meglio il centro e quale le ali della scacchiera

5) Posizionamento dei pezzi e mobilità
Sono tutti i pezzi immuni da attacchi, attivi e mobili e sono coordinati tra loro?

6) Struttura dei pedoni
Ci sono debolezze nella struttura dei pedoni come ad esempio pedoni isolati, impedonati, etc? Ci sono dei buchi nella struttura? I pedoni sono mobili o bloccati?

Come potete notare sono veramente tante le variabili da tener presente e solo occhi e menti esperte riescono a capire rapidamente quali tattiche e strategie da adottare. Un controllo di questo tipo richiede parecchio tempo soprattutto quando bisogna poi valutare le mosse successive.
Troppo bellooooo... entusiasmante!!

Bepi :bepi: & Banana :banana:[/b]

Scarpa
FoOrum Enthusiast
FoOrum Enthusiast
Posts: 399
Joined: Oct 2003

Post by Scarpa » 03/11/2004 18:24

a bepi la tu anuova sign mi fa venire ogni volta che la contemplo.
A parte cotale facezia io mi son scaricato la demo di CHESSMASTER10 cosa che consiglio di fare a voi appassionati se non l'avete già fatto....

poi ci possiamo beccare online per qualche games.
CU later :->

User avatar
Nyarlath
FoOrum PRO
FoOrum PRO
Posts: 589
Joined: Mar 2004

Post by Nyarlath » 03/11/2004 18:58

E se organizzassimo un torneo di scacchi?

Cosi' poi possiamo incoronare ufficialmente il bepi come Gran Maestro di tutti gli o.O!
Image
- Due lettere ripetute due volte @ Horror Gaming!

Scarpa
FoOrum Enthusiast
FoOrum Enthusiast
Posts: 399
Joined: Oct 2003

Post by Scarpa » 03/11/2004 20:13

nn sarebbe male ma come? :naughty:

il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Post by il bepi » 03/11/2004 20:50

Beh, un torneo non sarebbe male da organizzare anche se non è facile da gestire. Ci si può trovare su yahoo come abbiamo fatto France ed io, oppure giocare quì su questo sito (avete presente la partita che ho messo online in questo thread? Le mosse le potremmo vedere così). Insomma, si potrebbe fare ma dobbiamo trovare un sistema per trovarci e giocare.
Attualmente ho una 50 di partite contemporaneamente quindi appena decidiamo delle date vedo di diminuirne un pochino il numero, se saremo in tanti.
E' così forte chessmaster10? L'8000 non era un granché. Chissà che il 10 sia migliorato :lol:
Solo una curiosità: che vuol dire che la mia sign "ti fa venire"? Cosa ti eccita tanto? La bepa? :asd:
Fatemi sapere

Bepi :bepi: & Banana :banana:

User avatar
Nyarlath
FoOrum PRO
FoOrum PRO
Posts: 589
Joined: Mar 2004

Post by Nyarlath » 04/11/2004 10:20

Io direi di fare un torneo semilampo (15 min in totale mi pare (l'ho letto sul giornale!)) su yahoo, al meglio delle 3 partite.

Non mi piace giocare senza timer, muovere lentamente e' solo un vantaggio -> noia!!!

Se non siamo in troppi possiamo fare tutti contro tutti.
Image
- Due lettere ripetute due volte @ Horror Gaming!

Scarpa
FoOrum Enthusiast
FoOrum Enthusiast
Posts: 399
Joined: Oct 2003

Post by Scarpa » 04/11/2004 15:26

Mi eccita TUTTO anche la Bepa e cmq Chessmaster 10 é molto avanti... Io consiglierei di scaricare la demo e così ci possiamo fare partite veloci o meno a tempo o meno e via...

il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Post by il bepi » 05/11/2004 11:46

?????? Scusa, ma cosa serve il chessmaster per giocare su yahoo o roba del genere? Non posso mica scaricarmi probabili decine e decine di mega di software con la connessione 56K che ho a casa!! :oops:

Bepi :bepi: & Banana :banana:

Scarpa
FoOrum Enthusiast
FoOrum Enthusiast
Posts: 399
Joined: Oct 2003

Post by Scarpa » 05/11/2004 13:56

Bepone! In realtà solo 4 o 5 decine di mega! :asd:

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest