la fine degli antivirus?

PC che si scaldano, programmi che si rompono, trucchi che... ZOT!
Post Reply
User avatar
Mano[FA]
Moderator
Moderator
Posts: 2158
Joined: Oct 2004
Location: UK

la fine degli antivirus?

Post by Mano[FA] » 28/01/2017 11:08

Ho letto questo articolo su Ars Technica che dice che e' forse venuto il momento di smettere di usare gli antivirus. I motivi sembrano i seguenti:

Gli antivirus aumentano il numero di possibili debolezze
Gli antivirus a volte bloccano i sistemi avanzati di sicurezza dei browsers
i sistemi operativi sono discretamente robusti.

Piuttosto che avere un antivirus e' molto piu' importante avere SO e browser aggiornati.

Devo dire che sembra che windows abbia fatto grandi passi avanti in termini di sicurezza tanto che non e' piu' considerato imbarazzante e piu' di una volta ho sentito che per alcuni aspetti e' piu' sicuro di Unix/Linux, in passato considerato esembio di un sistema sicuro e ben disegnato.

Gli antivirus, a volte sono delle pesti. Si infiltrano dappertutto.

Che ne pensate?

User avatar
CuginoIt
Moderator
Moderator
Posts: 2177
Joined: Dec 2004
Blizzard BattleTag: CuginoIt#2830
Location: München (DE)

Re: la fine degli antivirus?

Post by CuginoIt » 28/01/2017 12:42

In effetti con Windows 10 che incorpora "Windows security essentials" penso che i rischi si siano ridotti rispetto al passato.
Noto però altri tipi di problemi: come dice Mano sarebbe buona norma tenere tutto sempre aggiornato, ma con Windows c'è sempre una probabilità non trascurabile che uno parta da un sistema perfettamente funzionante, e gli aggiornamenti contengano bug o causino incompatibilità con altri programmi che prima non c'erano.

Inoltre, la mia esperienza con Windows 7 è che ad ogni aggiornamento, il computer diventa un po' più lento. Di conseguenza la mia voglia di aggiornare il SO è scemata di molto...

Io ritengo che in questa fase ci sia un abuso non giustificato degli aggiornamenti. Se uno li attivasse tutti, Windows aggiornerebbe qualcosa 3 volte al giorno, e la possibilità di errori cresce in maniera paurosa.

Mi piacerebbe avere aggiornamenti ben studiati, testati e ponderati, che vengano rilasciati con serietà una volta al mese, invece che un continuo spam di aggiornamenti che, a mio parere, non possono essere sempre utili.

Un'altra cosa che mi domando è: perché non è possibile raggiungere una versione stabile e sicura di Windows 7 (per esempio), eliminando la necessità di aggiornamenti?

E anche per gli antivirus: come è possibile che aggiornamenti vengano rilasciati ogni giorno?
Quanto sono veramente utili?

User avatar
Mano[FA]
Moderator
Moderator
Posts: 2158
Joined: Oct 2004
Location: UK

Re: la fine degli antivirus?

Post by Mano[FA] » 28/01/2017 21:27

- mi risulta che, di regola, Microsoft rilasci aggiornamenti per windows una volta al mese
- un "sistema stabile" e' abbastanza difficile. Se qualcuno scopre un bug per windows7, microsoft deve rilasciare una patch. Anche se consideri Debian Linux, quando risaciano una versione (tipo "Jessie") smettono di aggiungere cose nuove (A differenza di windows 10 che e' in costante "miglioramento"). Ciononostante continuano a rilasciare patch e aggiornamenti man mano che problemi vengono riscontrati
- un Antivirus deve aggiornare quotidianamente il database dei virus. Il tuo Antivirus deve sapere al piu' presto come riconoscere il prossimo virus. Se aggiornasse il database ogni mese, chi sviluppa virus potrebbe contare su un mese di tranquillita' senza poter essere rilevato,

Io ti consiglierei di tenere aggiornato il sistema operativo e il browser. la progressiva lentezza secondo me e' causata piu' dal fatto che altri programmi vengono installati e rimossi, loro fanno casini vari e cosi' via... Se installi win7 da zero e fai subito tutti e solo gli aggiornamenti e' piuttosto veloce.

zobel
o.O Styler
o.O Styler
Posts: 271
Joined: May 2007
Blizzard BattleTag: Caledot#2732

Re: la fine degli antivirus?

Post by zobel » 28/01/2017 22:18

Sia su pc home sia su quelli dell'organizzazione dove lavoro di cui ho la responsabilità del SOC ho tolto antivirus di terze parti ed uso solo defende di ms che nella sua incarnazione enterprise offre 5 motore di analisi di cui uno di tipo predittivo che cerca di scovare probabili zero day (deve essere accoppiato con l'ATA però)
Comunque mcafee, kaspersky et similia mi hanno da sempre dato la sensazione di una backdoor presente almeno in un eco sistema ms i dati li diamo alla NSA e non già anche ad altri


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Image

User avatar
Shauron_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 1703
Joined: Jan 2007
Location: Napoli
Contact:

Re: la fine degli antivirus?

Post by Shauron_o.O » 30/01/2017 15:33

Premetto di reputarmi una persona totalmente ignorante in materia informatica perché bene o male sono solamente uno che i computer li usa quotidianamente da almeno 10 anni, ciò non fa di me un esperto ma avrei voglia di andare oltre al problema della sicurezza del pc quindi non vedere esclusivamente al "virus" che debilitano le prestazioni o obbligano l'utente a formattarlo.
Dando per scontato che il virus infetta esclusivamente via internet (poi, magari, indirettamente tramite chiavette usb) credo ci sia molta più consapevolezza oggi giorno sui siti web che si visitano, le email che si aprono grazie ai filtri spam dei provider o i file che si scaricano in rete ed è quindi molto più difficile prenderne uno.
Per rendere più esplicativo l'esempio: prima andavamo a donnine in Sud Africa e Kenya senza protezioni (i più esperti erano sempre ben protetti) ora invece frequentiamo solo il centro storico di Vladivostok.

La cosa che invece mi preoccupa di più è l'interesse di avere i nostri dati personali sensibili da parte di terzi malintenzionati. Qualche mese fa Le Iene mandarono nuovamente in onda un servizio del 2015 sull'hackeraggio subito dall'azienda Italiana produttrice del software GALILEO utilizzato dai più importanti servizi di intelligence al mondo.
Questo software ti permette, in pratica, di rubare in toto l'identità di una persona grazie al completo accesso al suo smartphone anche utilizzando un po' d'astuzia o social engineering.

Nel servizio non hanno spiegato in che mondo possiamo difenderci da questi attacchi perché probabilmente ancora non ce ne sono (oltre al disconnettersi dal mondo) ma la cosa più grave è che questo software è stato alla disponibilità di tantissime persone in forma gratuita, spregiudicata e completa ed è possibile trovarlo ancora oggi.
Conosco aziende di investigazione privata che hanno la piena disponibilità di questo programma e lo utilizzano per agevolare le proprie indagini: mappa GPS dei movimenti per infedeltà coniugale, intercettazione telefonica e ambientale per spionaggio industriale, giornalismo, politica.
Qualcosa di simile è stato utilizzato anche dai fratelli Occhionero per spiare i più importanti uomini d'affari e politici Italiani.

Insomma quel che penso è che i nuovi anti-virus dovranno combattere questi tipi di "malware" anche se credo sia difficile. Sono utilizzati in primis proprio dalle forze dell'ordine.

Servizio de Le Iene: http://www.iene.mediaset.it/puntate/201 ... 9585.shtml
Image

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest