Nighthold, wow rimane un Must

Tutto ciò che dovete sapere per sopravvivere nelle imprese di gilda....
Post Reply
User avatar
Iltech_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 1196
Joined: Apr 2009
Blizzard BattleTag: iltech#2942
Location: Bergamo

Nighthold, wow rimane un Must

Post by Iltech_o.O » 30/01/2017 11:52

Apro qui la discussione riguardante il mio articolo sul sito
http://oostyle.net/wow-nightold-e-dintorni/
È interessante vedere come nel tempo le meccaniche dei boss siano andate verso una nuova via, forse anche per allineare il codice alle modalità dinamiche. A mio avviso World of Warcraft rimane un must to have

Dite la vostra!
Image

zobel
o.O Styler
o.O Styler
Posts: 271
Joined: May 2007
Blizzard BattleTag: Caledot#2732

Re: Nighthold, wow rimane un Must

Post by zobel » 30/01/2017 13:36

Interessante... molto interessante, sarebbe utile un commento simile da parte di Lytuz ed Een per avere un'impressione dell'healing e del tipo di spec da poter utilizzare per ogni singolo boss
Image

User avatar
Ludwic
Veteran
Veteran
Posts: 526
Joined: Nov 2008
Location: Sicilia

Re: Nighthold, wow rimane un Must

Post by Ludwic » 02/02/2017 01:00

Dario come al solito ha fatto un'analisi perfetta dei boss che compongono il nuovo Raid!
Dal punto di vista dell'healing, tralasciando i problemi derivanti dal non rispetto delle meccaniche, ecco cosa penso:
SKORPIRON: il raid è per la maggior parte unito e i danni sono evitabilissimi... Facile;
ANOMALIA: anche se il raid è abbastanza sparpagliato a causa della grandezza della stanza non si prendono danni importanti... Facile;
TRILLIAX: se si rispettano le meccaniche unica abilità rognosa è il megasuperlaserone... Facile;
ALURIEL: qui si comincia a fare sul serio... il raid prende una considerevole dose di danno per non parlare dei tank letteralmente martellati dal Boss... Difficile;
KROSUS: danni sul raid gestibili e naturalmente mega laser da evitare... Facile;
TICHONDRIUS: danno sul raid sostenuto e costante... tipico boss da "Ho finito il mana!".. Difficile;
MASTRO BOTANICO: boss dalla meccanica veramente bella e difficile.. cure sul raid difficile da gestire poiché il raid prende danni in modo continuo e anche pesantemente ed essendo un fight molto difficile da gestire dagli healer che non siano druidi...Difficile;
ETRAEUS: Fight abbastanza e relativamente facile da parte degli healer.. la sensazione è stata di poter gestire il danno in maniera agevole..Medio;
ELISANDE: non nego che mi ha dato parecchi grattacapi.. mole enorme di danno e movimenti continui rendono la fase 1 di questo fight la più difficile che ho incontrato fino ad ora.. fase 2 e 3 molto più in relax... Difficile.
GUL'DAN: Finalmente siamo faccia a faccia con il nemico inseguito per tutta Draenor!
Il fight si divide in 3 fasi con meccaniche particolari sui tank e sul raid.. fight bello, dinamico ma relativamente facile per un healer. Meccaniche degli Occhi ( normali e potenziati) sono quelle che mettono gli healer sotto pressione ma gestibilissimo. In fase 3 se non si gestiscono le anime nel Pozzo è wipe sicuro!! ..... MEDIO.
Ovviamente queste sono un riassunto delle impressioni che ho avuto io dei vari boss giocando lo Shamano.
Last edited by Ludwic on 10/04/2017 21:38, edited 3 times in total.
Image

User avatar
Lilm
o.O Styler
o.O Styler
Posts: 92
Joined: Apr 2016
Blizzard BattleTag: Lilm#2246

Re: Nighthold, wow rimane un Must

Post by Lilm » 02/02/2017 09:42

Per quanto mi riguarda posso iniziare dicendo che questo raid mi sta piacendo molto. Condivido assolutamente l'amarezza, o semplicemente lo scoglionamento, nel dover fare una quantità di trashmob pari a quella della popolazione indiana e cinese messa insieme, con abilità che non perdonano neanche una semplice distrazione.
Come ambientazione ritorna la solita torre da salire con il buon vecchio Gul'dan all'apice. Personalmente mi piacciono le meccaniche ad alterazione temporale. Un combattimento semplice sulla carta, come quello dell' Anomalia Cromatica, trasformato in una frazione di secondo in un fight frenetico e psichedelico oppure in uno slow motion che cambia radicalmente sia l' arena di gioco che le meccaniche del combattimento in sé.
Altra cosa che mi è piaciuta sono questi berserk/enrage "finti", ovvero dove determinate meccaniche diventano insostenibili, sotto il punto di vista delle cure oppure dell' arena di gioco stessa, e portano ad un inevitabile "Rilascia lo spirito". L' Anomalia, Kroesus, Elisande, Etraeus( in parte) fanno parte di questo gruppetto e devo dire che sono quelli meglio riusciti a parere mio.
Per quanto riguarda il tema dei boss, cone già detto sul post principale sul sito, ci sono solo lati positivi: Guardiani contaminati dall' esposizione al pozzo che acquisiscono abilità temporali e arcane, passando per servitori schizzofrenici e maestri di magie, signori dei demoni uccisori di eroi e leggende, esuli oscuri he hanno dedicato la propria esistenza ad un campo specifico avvicinandosi ad esso talmente tanto da sconfinate nell' ossessione arrivando addirittura a modificare il proprio corpo.
Per finire gli ultimi 2 boss: Elisande, colei che ha cercato di proteggere la propria gente a costo di consrgnarsi alla Legione e Gul'dan che non ha bisogno di presentazioni.
Ci sarebbero molte cose da dire nello specifico ma in questo momento preferisco godermi il raid senza troppo pensieri.
Piccola nota finale. Vorrei fare un elogio personale a chi di dovere per aver ideato le meccaniche e l' arena di combattimento dell' Astromante Etraeus, ad oggi mio boss preferito del raid.

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest