Tre cose che vi ha insegnato il vostro lavoro:

Cinema, Peperoncini, Navi Spaziali, Barbecue, Fisica Quantistica… TUTTO!
User avatar
snuffz
Veteran
Veteran
Posts: 4380
Joined: Jan 2003
Location: Torino
Contact:

Tre cose che vi ha insegnato il vostro lavoro:

Post by snuffz » 16/01/2009 13:00

1-Che i computer, anche quelli da 5000 euro, anche quelli con le ventoline e il display per monitorare la temperatura, quelli con gli hd scsi o sata, fissi o portatili, quelli che maltrattate alle lan portandoli nel bagliaio della macchina e quelli che trattate con i guanti incazzandovi col gatto quando vi salta sulla tastiera, tutti i computer che vi vengono in mente, al di là della tecnologia, del sistema operativo e delle vostre attenzioni...possono tutti rompersi. E i dati contenuti nel vostro hard disk valgono MOLTO più del vostro computer, del vostro monitor lcd e del vostro bel mouse ottico. Quindi imparate a farvi backup periodici.


2-Che la causa principale del malfunzionamento di un pc è la persona che lo usa. Virus, spyware e picchi di corrente sono bazzecole.


3-Che internet è una gran risorsa, ma se non ci fosse la produzione negli uffici aumenterebbe del 500%. (E' una banalità, lo so, che se prendete un impiegato qualunque e gli togliete internet e mail, finirà il bilancio di fine mese già al 15. Ma in questo momento di crisi e cassa integrazione e tagli del personale, mi è capitato di rifletterci parecchio).

User avatar
ayakuccia_o.O
Moderator
Moderator
Posts: 2364
Joined: Feb 2003
Location: Sestri Levante (GE)

Post by ayakuccia_o.O » 16/01/2009 15:48

1. che i pazienti mentono sempre... o per lo meno omettono alcune verità fondamentali per la diagnosi :roll:
2. che agli ipocondriaci prima o poi viene una malattia, di solito autoimmune :nod:
3. che se ti attardi a lavorare negli ambulatori in clinica universitaria fino alle 17 del pomeriggio e arriva un paziente ha un problema ai genitali :no:

...in verità l'elenco sarebbe infinito, ma queste sono le prime 3 cose che mi sono venute in mente :ghost:

User avatar
Davilaro.Oa
Veteran
Veteran
Posts: 716
Joined: Jul 2007

Post by Davilaro.Oa » 16/01/2009 15:57

1- quoto snuffz sul fatto che i dati non sono mai abbastanza al sicuro, l'ho imparato a mie spese perdendo tutto (foto, progetti, file excel con i conti di casa) e quindi ora ho: hard disk esterno che porto sempre con me, backup periodico su dvd e un backup dei files chiusi (tutti sarebbero veramente troppi) su gmail.

2- I "creativi" (e già il termine mi fa orrore perchè non vuol dire nulla) vengono perennemente etichettati come quelli che cazzeggiano tutto il giorno. Da qui le persone si sentono autorizzate a (in ordine random e più volte al giorno) piazzartisi dietro per guardare lo schermo del tuo computer perchè usi programmi con le figure :menato: (gli staccherei la testa a morsi), smanettare i tuoi prototipi senza il minimo ritegno rompendoli o peggio portandoli in giro (giuro mi è sparita roba da un giorno all'altro perchè era carina...), attaccare bottone in qualunque momento ( eh ma tanto sei su photoshop! figa sto scontornando un immagine di 2 metri per due che doveva essere stampata già l'altroieri, e se sbaglio l'errore è esponenziale ma in fin dei conti sto cazzeggiando eh... :dho: ).

3- Fare in modo che tutto ciò che faccio sia tracciabile perchè mi sono capitati più di una volta colleghi che facevano a scaricabarile dopo un casino. Ci hanno provato anche con me. Gli ho preparato un bel pdf di 20 pagine ( con caratteri appositamente minuscoli e altre chicche per rendere la lettura fastidiosa) con 3 mesi di mail che dimostravano che avevo fatto tutto quello che dovevo fare :laugh: se le sono dovute spulciare tutte :bellali: la prudenza non è mai troppa

User avatar
blackmagicuser
Veteran
Veteran
Posts: 905
Joined: Dec 2005
Blizzard BattleTag: Rampage#22542
Location: Cascine Vica Beach!

Post by blackmagicuser » 16/01/2009 17:24

1. Che in tutte (proprio TUTTE) le aziende, dalla più piccola alla multinazionale all'amministrazione pubblica i sistemisti hanno unserver chiamato "lab2",o "scambio" o "backup dir" tipicamente imboscato sotto una scrivania sommersa da scatole e scatoloni che contiene warez, pornazzi, cartoni giapponesi, film in divx e ogni genere di mercanzia che vìola in tutti i modi possibili le leggi sul copyright.

2. Che le cose che la nostra generazione dà per scontate in fatto di tecnologia NON lo sono affatto per la maggioranza delle persone che hanno da 20 a 30 anni in più (internet, email, sms, wifi, ma anche solo Office e Windows o "masterizzare un CD"). La cosa più triste è che suddette persone ne sono affasciante morbosamente e passano la giornate a rendere impossibile la tua vita con le loro infinite domande e le loro assurde richieste e assolutamente mentre stai lavorando (nel mio caso al posto loro, in quanto inetti).

3. Che l'amministrazione pubblica non FUNZIONERA' MAI se in cima alla piramide c'è gente che non sa mandare un'e-mail con l'allegato (lo so, è triste, ma è assolutamente vero).
Image

User avatar
Maloghigno
Administrator
Administrator
Posts: 4522
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Maloghigno#2220
Contact:

Post by Maloghigno » 16/01/2009 21:24

1 - che tanto, per la maggioranza degli amici e dei parenti, lavorare in Java o Cobol, essere project manager o fare il data entry, occuparsi di architetture o leggere un file di testo sono tutte cose che rientrano sotto un'unica definizione: "ah, lavori sui computer".

2 - che bisogna ringraziare e dimenticare subito le pacche sulle spalle, ricevere e far tesoro di qualche cazziatone e di tutte le mazzate, imparare a star lontani dagli uccelli paduli... che tanto se proprio non sei un permaceto ti cercano e ti trovano comunque.

3 - che (scusatemi oh voi donne...) un ambiente di lavoro con molti uomini è generalmente molto più sereno (ma anche volgare) di uno dove ci siano anche solo un paio di donne che magari non hanno una vita sentimentale (e sessuale) "soddisfacente"... o che cerchino di far carriera. Tra uomini gli scontri sono (di solito) più bruschi, ma meno striscianti e cancerosi di quelli che (quasi sempre) ci sono tra donne.*

* Disclaimer: Non voglio generalizzare in termini assoluti e su scala mondiale, sto solo generalizzando la mia esperienza lavorativa.
Image

User avatar
CuginoIt
Moderator
Moderator
Posts: 2171
Joined: Dec 2004
Blizzard BattleTag: CuginoIt#2830
Location: München (DE)

Post by CuginoIt » 17/01/2009 00:19

1 - I conti non tornano mai. E si arriva sempre a un certo punto che un segno può essere un un modo o nell'altro, ma sai che deve essere il primo modo se no non torna nulla.... quindi ti sforzi di giustificarlo in qualche modo...

2 - E' sempre fondamentale scegliere con chi lavorare. Soprattutto scegliere chi sta sopra di te. Ho visto troppe persone rovinate dai propri relatori. Quando si affida il proprio lavoro a qualcuno (e parte della propria carriera) bisogna anche considerare la propria serenità futura.

3 - La gente non capirà mai che la ricerca pura non "serve". Non la puoi monetizzare. Non fa parte dell'economia. Non ha utilità immediata e nemmeno un'utilità prevedibile. A volte è quasi come l'arte....

User avatar
Lysor_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 2447
Joined: Dec 2002
Location: Milano

Post by Lysor_o.O » 17/01/2009 02:50

1-Che quando hai un'idea, sulla base della quale apporti una modifica a qualcosa per migliorarla, e sei strasicuro che si tratta di una modifica migliorativa, che non c'è modo che le cose possano peggiorare facendo quella cosa, possono solo migliorare o al massimo rimanere uguali, perché hai previsto tutto... No, possono peggiorare eccome!!!
2-Che quando ti dicono che "i programmi senza bug non esistono", beh, è vero; quando si sente questa frase, con un po' di presunzione (col senno di poi, una presunzione immensa), è abbastanza spontaneo pensare "sì, i programmi degli altri... I MIEI funzioneranno alla perfezione. Che ci vuole? Basta fare tutto con calma e attenzione...". Poi si scrive un programma, lo si testa, ed è pieno di bug. Ci si scoraggia, ma poi si pensa: "Beh, è pieno di bug, ma solo perché non ho ancora finito di testarlo; però appena avrò finito di farlo, il mio programma sarà privo di bug per davvero". Salvo scoprire, dopo MESI se non ANNI che lo si usa tranquillamente, che ci sono un sacco di cose sbagliate.
E allo stesso modo, quando qualcosa non funziona, ma proprio non funziona, ed è ovvio che invece dovrebbe funzionare in un'altra maniera, ne sei sicurissimo, è sicuramente un bug del compilatore... No, non è MAI un bug del compilatore, è sempre colpa tua. Lui ha sempre ragione, tu hai sempre torto, e devi accettarlo e fartene una ragione.
3-"L'intuizione, come un fulmine, dura solo un secondo. Generalmente arriva quando si è tormentati da un difficile problema e si ripensa a tutti i tentativi inutili già effettuati. Improvvisamente, la luce fa breccia nell'oscurità, e in pochi minuti si riesce a risolvere il problema che è sembrato insormontabile per giorni interi". Quante volte sono caduto in preda allo sconforto, temendo di essere arrivato ad un punto da cui non è più possibile avanzare, perché non c'è modo di risolvere un certo problema... E invece, dopo un po' (un BEL po') che ci si pensa, ehi! Non è così impossibile... Anzi, è fattibilissimo! E aggiungerei, quante intuizioni si hanno mentre si sta facendo tutt'altro: ne ricordo benissimo una, dopo aver passato ore su un problema, bloccato lì da giorni... Alla fine vado a letto, e come spengo la luce... "E se... Ma no... CAZZZZZZZOOOOOOOOOOO!!!!" :dho: :dho: :dho:

...Aggiungo un punto, il numero 4: mai, mai, MAI dire "sto lavorando ad una cosa che non sembra troppo difficile, prevedo di finirla per settimana prossima". L'ultima volta che l'ho fatto è stato a settembre, e ci sto lavorando tuttora.
Image
Tu vedi delle cose e chiedi: perché? Ma io sogno di cose che non ci sono mai state, e che forse non ci saranno mai, e dico: perché no?
--- Wolfgang Güllich

User avatar
arklan_o.O
o.O Styler
o.O Styler
Posts: 663
Joined: Jul 2007
Location: Mercato San Severino (SA)

Post by arklan_o.O » 17/01/2009 09:57

premessa : io lavoro al sud con le scommesse on line

1- quando qualcuno mi dice "nun te preoccupà" io comincio a tremare


2- se devi prendere accordi ricorda che "verba volant scripta manent"

3-se per lavorare devi dare una somma di denaro "virtuale" ad un cliente assicurati che lui ti mandi prima la controparte cartacea
"Ubuntu? Ma è un pornodivo africano?"

User avatar
Mano[FA]
Moderator
Moderator
Posts: 2158
Joined: Oct 2004
Location: UK

Post by Mano[FA] » 18/01/2009 01:25

1. Un'idea geniale è una banalità a cui nessuno ha pensato prima.

2. Non commenti mai abbastanza il tuo codice. Se dopo 6 mesi riapri il codice di quel programmino che avevi scritto seguendo ogni canone e consigli da manuale, con righe e righe di commenti, arriverai comunque a chiederti: "Ma 'sta funzione, che caaaaaaa..o faceva????"

3. Ottenere un risultato è facile. E' ottenerlo la seconda volta che diventa un incubo!

User avatar
Trollollo
Veteran
Veteran
Posts: 699
Joined: Oct 2005
Blizzard BattleTag: Hammer#2620

Post by Trollollo » 18/01/2009 23:16

1- finisci gli studi che e' meglio

2- se la macchina puo' avere problemi, 2 volte su 3 li avrà (e sicuramente li avrà durante il turno di notte [durante il quale non e' vero che si lavora di meno] quando non ci sono i meccanici)

3- fregatene di come fanno le cose gli altri e falle al tuo meglio

TORBIG
o.O Styler
o.O Styler
Posts: 270
Joined: Jul 2005
Location: Torino

Post by TORBIG » 19/01/2009 13:49

1. Mai eseguire opere o lavorazioni per parenti lontani o vicini, amici, vicini di casa. La casistica di insoddisfazione reciproca è stupefacente.

2. Si trascorre più tempo con i propri soci che con la propria moglie. Generalmente si compensano i giorni in cui il fatto è un bene e quelli in cui è un male

3. Tutti, ma proprio tutti, abbiamo un capo.

User avatar
irvkrog
Fo.Orum User
Fo.Orum User
Posts: 28
Joined: Jan 2009
Location: cesena

Post by irvkrog » 27/01/2009 00:11

1) E' inutile correre e far un lavoro mediocre intanto un aumento se nn lo chiedi nn te lo da nessuno meglio fatto bene e con il tempo che ci vuole

2) qualsiasi sia il disegno tecnico ci manca sempre un 3D e le piu delle volte mancano misure e particolari e quando nn è giornata capita che manchi la modifica del famoso pezzo che hai gia saldato e finito .

3) è che nn finisco mai di imparare .

User avatar
Emokiller
Fo.Orum FAN
Fo.Orum FAN
Posts: 250
Joined: Oct 2007

Post by Emokiller » 28/01/2009 18:23

1) i professori che vengono presi per il culo sono quelli che ti fottono all'esame

2) la scuola è pericolosa

3) ci sono 2 tipi di persone che hanno successo a scuola: quelli che vanno bene anche se cazzeggiano tutto il giorno e quelli che si fanno il culo 8 ore al giorno dando l'anima in pasto al libro, che prima dei compiti in classe non dormono per una settimana, che sanno a memoria titolo-titoletto-testo-autore-numero.della.pagina.in.cui.c'è.quella.determinata.cosa e che se prendono un voto inferiore al 7 piangono tutta la mattina. solo i primi di questi 2 sono da stimare perchè hanno capito che quello che serve non è il voto, ma quello che hai imparato di quella lezione. :teach: :teach:

ORCO
Fo.Orum PRO
Fo.Orum PRO
Posts: 569
Joined: Jul 2007

Post by ORCO » 31/03/2009 10:47

1- se credi che sacrificarti per l'azienda, lavorare anche gratis alcune volte, dire sempre si a tutto quello che ti chiedono di fare(intendo oltre a cio che dovresti fare), possa assicurarti stima e magari un aumento (vedendo che c'è gente che fa la metà del tuo lavoro,ma guadagna il doppio), ti stai sbagliando di grosso!! mettersi a pecora sempre(scusate il francesismo), farà in modo che quella sia la tua situazione lavorativa standard e ti verrà chiesto di fare di più! ovviamente l'aumento lo daranno alla pecora, non a te.

2-non fidarti di nessuno. o meglio: fidati di chi ti odia apertamente, almeno lui è onesto. quelli che ti "leccano il c..o", lo fanno perchè poi trovano meno attrito quando ti inc...no!

3-se stai male, stai a casa. (sembra una cagata,ma io l'ho dovuto imparare...e cmnq non lo faccio ancora -.-). tanto se vai a lavoro malato, pensano che stai fingendo. se stai a casa, pensano che stai fingendo. se sei in ospedale, pensano che hai trovato qualcuno che ha creduto davvero alla malattia che ti sei inventato. tanto vale sbattersene e non sacrificarsi sempre per nulla (vedi punto 1).

PS:eh si...ce l'ho un pò a morte col mio principale...

User avatar
Shogun_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 1311
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Shogun#2764
Location: Piacenza

Post by Shogun_o.O » 31/03/2009 19:09

1 - Quando devi fare un acquisto, non rivolgerti MAI e poi MAI a un parente o un amico o ad un amico di un amico, perchè se è un bravo venditore ti inchiappetta più di quanto avrebbero fatto con un cliente qualunque...
1\b - ...questo non significa che un altro venditore non te la metta in quel posto.
2 - [per i clienti] Diffida da chi vi propone un finanziamento a tasso 0 perchè significa che sul prodotto che ti ha venduto ha gonfiato il prezzo di un valore superiore a quello degli interessi di un normale finanziamento.
3 - [per i venditori] Meglio chiudere 6 vendite su 10 con un margine di guadagno minimo piuttosto che chiuderne 1 su 10 anche se con un margine più alto.

User avatar
mirino
Veteran
Veteran
Posts: 1314
Joined: Sep 2005
Location: Turin

Post by mirino » 23/04/2009 23:38

A me il lavoro ne ha insegnate 5:
1- Sbattersi tanto per le aziende, dare piena disponibilità, essere flessibili al massimo, venire incontro alle varie esigenze con l'idea che "sì, ma un giorno tutto ciò mi sarà ripagato e sarà riconosciuto appieno il mio impegno" è inutile. Amara considerazione, maturata dopo oltre 10 anni di lavoro. In caso di difficoltà dopo un mese saresti rimpiazzato dal primo fesso che passa e dimenticato in fretta. E a te resterebbero solo le amarezze, la rabbia e il tempo sottratto alla tua vita e ai tuoi cari: quel tempo che non ritorna.
2- Se qualche programma funziona bene e decidi di modificarlo "quel tanto che basta da renderlo migliore"....beh, lascia perdere: lo romperai, è inevitabile. Maledirai te stesso per averlo modificato. E si romperà quando NON sarai in ufficio per porre rimedio al guaio che TU hai causato. E' scontato!
3- Un lavoro "facile e veloce" non esiste: se il lavoro che ti hanno affibbiato (o hai deciso volontariamente di fare) ti sembra facile e veloce, è solo perché non l'hai guardato abbastanza bene......
4- Esistono due motivi per ritenere che sia meglio NON fare un lavoro che ti è stato assegnato: la pigrizia e l'esperienza.
Il pigro talvolta non lo fa perché non ha voglia.
L'esperto talvolta non lo fa perché SA che quella ridicola modifichina che sembra piccolissima spaccherà tutto il codice dell'applicazione più grande, ed è più vantaggioso lasciare tutto così. E' questa la grande differenza tra un consulente informatico esperto e uno "niubbo": l'esperto sa riconoscere il pericolo ed è in grado di scamparlo, ma ci vuole un altro esperto per riconoscergliene il merito. Il niubbo vedrà sempre e solo la pigrizia.
5- Non solo Spiderman ha il "senso di ragno", ormai anche io ho una tale esperienza da prevedere molte situazioni. Oggi dovevo uscire alle 18.15 per delle commissioni. Spengo il portatile. Si avvicina l'analista..."ah, ma hai già spento? Volevo che si facesse ancora una prova, una sola"....come nei fumetti, "i miei sensi mi urlavano di lasciar perdere" ma non riuscivo....anche se avevo identificato il pericolo. 3 minuti per riaccendere il portatile, 10 minuti in tutto per avviare i 2 ambienti di sviluppo utilizzati, sincronizzando i sorgenti, e avviando i server. Un paio di prove ma non andava. Il server in crash. Restart, altro tentativo. Configurazione da cambiare. Ennesimo restart, altro tentativo. Errore! Chissenefrega, lo guarderò domani, e me ne sono andato. Si erano fatte le 19.15. E SAPEVO CHE AVREI PERSO UN'ORA PER NIENTE, LO SAPEVO GRRRRRRR !!!

User avatar
snuffz
Veteran
Veteran
Posts: 4380
Joined: Jan 2003
Location: Torino
Contact:

Re: Tre cose che vi ha insegnato il vostro lavoro:

Post by snuffz » 30/06/2010 12:48

Aggiornamento (oltre il terzo punto)
-le persone pensano che solo perchè sei un informatico, probabilmente hai sempre voglia di parlare di computer, virus, schede video e sarkazzi vari. SEMPRE. 24 ore al giorno. In vacanza, in ascensore, alle riunioni di condominio... Se sei a una cena con amici di amici, e viene fuori che il tuo lavoro è aggiustare computer, salta sempre fuori qualcuno a chiedere "Io a casa ho il pc che mi si spegne sempre... cosa potrebbe essere?" oppure "Eh, vorrei proprio comprarmi un portatile nuovo... quali sono le marche migliori sul mercato?"
ps: non oso immaginare come facciano i dottori: "Ma dai, sei un medico? Perchè mi è appena spuntato un nodulino proprio qui" (e via la camicia).
Aya confermi?
-Il mondo è pieno di "esperti", informatici mancati o che si credono tali perché sono riusciti a cambiarsi da soli la scheda video. Ti chiedono consigli da “collega”, ti guardano meravigliati quando scoprono che sul pc di casa hai ancora Xp mentre loro hanno già Seven Ultimate, e ti fanno domande sulla latenza della ram solo per sentirsi dire “Ma allora tu te ne intendi”.

Ajala
Veteran
Veteran
Posts: 233
Joined: Aug 2008
Location: Milano

Re: Tre cose che vi ha insegnato il vostro lavoro:

Post by Ajala » 30/06/2010 13:20

Parlo da datore di lavoro:

1) Se una tua dipendente part-time resta incinta, non trasformare il rapporto di lavoro in full-time per fargli avere uno stipendio maggiore quando andra' in maternita', perche' e' scientificamente provato che andra' in maternita' anticipata appena il contratto di lavoro si trasforma in 8 ore.

2) Non dare mai per scontato che se fai uscire il dipendente 2 ore prima perche' nevica lui poi sentira' il dovere morale di fermasi 10 minuti in piu' se c'e' un cliente.

3) Non importa se al lavoro c'e' un clima amichevole, prendi permessi quando vuoi, basta una telefonata per comunicare un ritardo, ti fanno uscire prima se c'e' una tempesta, la partita dell'italia, il ponte lungo ecc ecc ecc, quello che conta e' solo lo stipendio.
Ho imparato sulla mia pelle (a 40 anni suonati) che e' meglio guadagnare 1000 euro al mese e lavorare con piacere ed entusiasmo, che non prenderne 5000 e maledire ogni mattima l'inizio della giornata lavorativa.
Il triangolo? Lo trovo cmq meno pericoloso del trapezio.

User avatar
klank
Veteran
Veteran
Posts: 106
Joined: May 2007
Location: Trieste

Re: Tre cose che vi ha insegnato il vostro lavoro:

Post by klank » 30/06/2010 14:22

Parlando di aziende di grosse dimensioni:

1) Tutti servono nessuno è indispensabile.
2) L'80% del proprio lavoro è mantenere un buon rapporto con i colleghi.
3) Il tempo guarisce tutto, anche le tue apettative negate.
Non seve commentarle.

Fuori concorso ma degna di nota, mi si conceda la licenza poetica:

4) " I cazzi cambiano, ma i culi rimangono sempre gli stessi": traduzione: "ne vedi cambiare di responsabili sopra la tua testa, ma alla fine chi manda avanti la baracca sono sempre gli stessi".
___________________________________________________
" WoW is the worlds largest baby sitter "

User avatar
Zaius
Veteran
Veteran
Posts: 669
Joined: Jan 2008

Re: Tre cose che vi ha insegnato il vostro lavoro:

Post by Zaius » 01/07/2010 11:15

1) le persone vogliono rigore, ordine e e multe!!!....ma per gli altri!!! :nod:
ultimo esempio: 2 signore sedute ci fermano...:" quel camper li non puo stare..bla bla davanti la mio negozio bla bla bla!"
scendiamo,multiamo il camper e tutte le altre auto in divieto...ritorna la signora: bla bla bla..quella no, quella adesso la sposta bla bla!(era dell'amica ndr)"
risposta:non sposta proprio nulla..è in contravvenzione. (la faccia della signora che ha preso la multa "per colpa" dell'amica non ha prezzo!)
2) egoisticamente..meno sai fare e meglio stai :nod:
3) mi ha insegnato che c'è gente che continua a passeggiare in spiaggia o a fare il bagno nonostante questo!!!
http://www.cityrumors.it/teramo/cronaca ... aggia.html
Image

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests