Clonazione?

Cinema, Peperoncini, Navi Spaziali, Barbecue, Fisica Quantistica… TUTTO!
Post Reply
User avatar
Shauron_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 1709
Joined: 13/01/2007 10:30
Location: Napoli
Contact:

Clonazione?

Post by Shauron_o.O » 06/11/2008 20:38

Due giorni fa lessi un piccolo articolo su un giornale (il gratuito City)che diceva:
Topi morti clonati dopo 16 anni
Topolini morti da 16anni e congelati sono stati clonati prendendo il Dna dalle cellule morte del loro cervello. Il risultato,senza precedenti,apre la strada alla possibilità un giorno di riportare in vita mammut o dinosauri. Lo studio giapponese è pubblicato su Pnas
Incuriosito ho provato a cercare su internet...
L'ultima frontiera della clonazione, topi morti 'fotocopiati'
Milano. In futuro far rivivere i mammuth potrebbe non essere fantascienza. Ad accorciare le distanze tra sogno e realtà è stato un team di scienziati giapponesi, che ha clonato topi morti , congelati da 16 anni a -20 gradi centigradi. L'esperimento senza precedenti, pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica Pnas (Proceedings of the National Academy of the Usa), porta la firma di Teruhiko Wakayama, del Centro di biologia dello sviluppo dell'istituto Riken di Kobe, nei pressi di Yokohama. Per ottenere le inedite 'fotocopie', l'equipe nipponica ha utilizzato il materiale genetico contenuto in cellule di cervello dei roditori sottozero. E ha smentito nei fatti la teoria che definiva impossibile clonare un essere vivente partendo da cellule 'surgelate', a causa dei danni prodotti dal ghiaccio sul loro Dna. Dalla pecora scozzese Dolly all'italianissimo toro Galileo, proseguendo via via nell'affollato zoo di animali clonati che include ormai anche cani e gatti, finora per 'riprodurre' un animale è stata usata la tecnica del trasferimento nucleare: una cellula dell'esemplare donatore viene svuotata del suo patrimonio genetico, questo viene inserito in una cellula uovo, quest'ultima viene bombardata con stimoli chimici o elettrici e indotta a evolvere in embrione, e quest'ultimo viene impiantato nell'utero di una mamma, presa 'in prestito'. Nonostante i topi di partenza fossero stati congelati senza adottare alcuna precauzione (crioprotezione) contro i possibili effetti del gelo sul Dna, gli scienziati giapponesi hanno trovato materiale genetico utile al loro scopo. Alla luce del successo ottenuto, Wakayama e colleghi guardano oltre e citano espressamente il preistorico mammuth. "La clonazione di animali attraverso il trasferimento nucleare -spiegano- offre l'opportunità di preservare specie di mammiferi a rischio". In passato, aggiungono, "è stato suggerito che far 'risorgere' specie estinte e congelate come il mammuth lanoso era una strada impraticabile, perché non era più disponibile alcuna cellula utile e perché il genoma eventualmente rimasto era inevitabilmente danneggiato". Una certezza che è stata smentita dal loro studio. La materia prima c'è, dopo che nel 2007 un gruppo di scienziati russi ha rinvenuto la carcassa di un piccolo di mammuth, imprigionata da 40 mila anni nei ghiacci della regione artica di Yamalo-Nenetsk. "Resta da capire se da un corpo congelato senza crioprotezione si possono ottenere ancora dei nuclei utili", conclude Wakayama.
Fonte Estense
...secondo me c'è dell'incredibile...si potrà davvero riportare in vita alcune spece estinte?non credete ci sia dell'incredibile?
Image

MasterminD
FoOrum Enthusiast
FoOrum Enthusiast
Posts: 285
Joined: 24/10/2003 18:33

Post by MasterminD » 07/11/2008 08:52

Credo che sarebbe qualcosa di fantastico, ma pensando alla mente malata e contorta dell'uomo, penso che si cercherebbe di riportare in vita qualsiasi cosa che ci sia di estinta e che potremmo rianimare, mammuth, dinosauri (se mai ne trovassero uno ghiacciato), se esistessero (siamo scettici) carcasse aliene, e chi più ne ha più ne metta...
Ma tralasciando le infinite possibilità, si potrebbe avere un riscontro positivo da tutto ciò, il primo puramente scentifico, potremmo studiare animali di cui si ignora ancora molto, anche se effettivamente non esiste più l'ambiente adatto, secondo potrebbero essere d'aiuto, prendendo per esempio i mammuth, potrebbero essere usati come in africa per aiutare nei lavori la dove il freddo domina e le società sono arretrate e vivono ancora con le slitte.
Però pensandoci bene, riporteremo in vita una specie estinta da migliaia d'anni per un capriccio una curiosiità, e per poi rischiare di sfruttarla come facciamo con tutto.. non contando che la produzione in massa (nel qualcaso accadesse) potrebbe portare a degli sconvolgimenti nella vita degli animali che convivono con degli estranei alti 4 metri e che pesano qualche tonnellata..

User avatar
Shauron_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 1709
Joined: 13/01/2007 10:30
Location: Napoli
Contact:

Post by Shauron_o.O » 08/11/2008 00:09

credo che finchè l'uomo si limiterà solamente a clonare animali come il mammut non ci saranno grossi problemi,soprattutto di natura etica,ma cosa succederà quando la curiosità dell'uomo si spingerà oltre?per esempio clonando vecchi esseri umani?magari per studiare la nostra evoluzione o solo per curiosità? un uomo "antico" è stato gia trovato* e magari è possibile anche ricostruire il suo dna(chi lo sa...mano illuminaci!)...ma figuratevi quanti problemi di natura etica nasceranno...

*Oetzi, la mummia più antica del mondo, di un uomo morto 5300 anni fa e ritrovato nel ghiaccio nel 1991 ed oggi conservato in una cella frigorifera...Fonte
Image

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 4 guests