Home Banking

Cinema, Peperoncini, Navi Spaziali, Barbecue, Fisica Quantistica… TUTTO!
Post Reply
User avatar
Ufo_Robot_o_O
Veteran
Veteran
Posts: 1999
Joined: Apr 2003
Location: Brescia

Home Banking

Post by Ufo_Robot_o_O » 23/10/2007 08:10

Con l'avvento dell'ADSL a casa mia sto informatizzando tutta la famiglia e mi piacerebbe fare l'home banking, ma sono un pò scettico. Sicuramente qualcuno di voi lo usa e vorrei avere delucidazioni a riguardo.

:arrow: Come funziona?
:arrow: E' sicuro? Non c'è rischio di fregature o furti?
:arrow: Quali operazioni è possibile effettuare?
:arrow: Ti fa risparmiare sulle operazioni bancarie, tipo bonifico ecc...

Grazie in anticipo :wink:
Image

User avatar
Sky79_o.O
Fo.Orum PRO
Fo.Orum PRO
Posts: 1580
Joined: Feb 2003
Location: Brescia

Post by Sky79_o.O » 23/10/2007 09:48

Dipende tutto dalla tua banca Davide,io lo uso da 1 anno oramai e lo trovo comodissimo e abbastanza sicuro:
Come funziona?
E' sicuro? Non c'è rischio di fregature o furti?
Gli accedi dal portale della tua banca tramite immissione di un codice e più password.Si consiglia sempre di cambiare ogni 2/3 mesi le pass per sicurezza.
Sempre per una sicurezza maggiore la mia banca la seconda pass che devi inserire l'ha fatta di 10 cifre...vedi un pò te.Mi sa che è meno sicuro il bancomat oramai :D
Quali operazioni è possibile effettuare?
Ti fa risparmiare sulle operazioni bancarie, tipo bonifico ecc...
Con l'home bankin puoi fare tutto:bonifici bancari,ricariche del telefono,pagamenti vari controllo costante del tuo conto corrente e delle tue spese.
Per quel che riguarda i lcosto dell operazioni penso dipende sempre dalla banca però considera solo il fatto che non devi star li ad andar fino alla banca,farti la coda se c'è un pò di gente,aspettare che l'operatore ti faccia le varie operazioni...già quello è un risparmio di tempo(quindi denaro :mrgreen: )non indifferente
Image

User avatar
Maloghigno
Administrator
Administrator
Posts: 4522
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Maloghigno#2220
Contact:

Post by Maloghigno » 23/10/2007 09:58

I livelli di sicurezza che l'utente può percepire mentre usa la banca via internet di solito sono due: l'accesso alla funzioni di visualizzazione e quello alle operazioni (disposizioni). Il primo avviene tramite utente e password forniti dalla banca, il secondo tramite una password che cambia ogni 10 secondi e che tu puoi leggere sulla chiavetta che ti da la banca. Insomma, mi è capitato di lavorare per San Paolo e per Unicredit, ho il conto Unicredit, uso l'home banking da quando esiste e sono tranquillissimo.
E' vero, scherzando dico che immaginando altri programmatori come me a fare errori e cavolate nei programmi dell'home banking mi vengono i brividi... però l'errore è un'eventualità che metti in conto anche allo sportello... e tieni conto che è tutto tracciato, quindi sicuramente la banca riparerà al suo errore.

La cosa FONDAMENTALE è NON usare la carta di credito su internet. Io ne uso una messa a disposizione da Unicredit, si chiama quickweb, è ricaricabile e se mi sniffano il numero al massimo si fanno quei 20 euro che ci lascio sopra ogni tanto quando incasso da ebay. Ma non usare mai la carta di credito che pesca direttamente dal conto corrente!!!
Image

User avatar
P-Dave
Veteran
Veteran
Posts: 1444
Joined: Oct 2006
Location: Torino

Post by P-Dave » 23/10/2007 11:31

Aggiungerei che alcuni conti prevedono l'uso di un token come questi

Image

che cambiano parte della password ogni 30 secondi.

Questi conti sono il massimo possibile attualmente per la sicurezza, e' praticamente impossibile/altamente improbabile riuscire a craccare una password di questo tipo. Certo, hanno le loro rotture di scatole (token che si desincronizza -> chiamata all'assistenza), ma il gioco vale la candela.

User avatar
mader_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 2202
Joined: Nov 2004
Location: Oltre la barriera

Post by mader_o.O » 23/10/2007 11:41

Si io lo uso da un po.

Non ho un token come quello, pass e username sono sempre le stesse, ma ogni volta che devo fare una operazione mi chiede un codice diverso che estrapolo da una tessera.

Tipo mi chiede D4 e A7 io gratto sulla tessera prendo i numeri e li inserisco.

Slampiño.O
Fo.Orum PRO
Fo.Orum PRO
Posts: 500
Joined: Nov 2005
Location: Olgiate Molgora

Post by Slampiño.O » 23/10/2007 12:32

Io uso l'internet banking da qualke hanno con la ex RasBank, ora Allianz se non sbaglio. Per lo più per ricaricare il cellulare, acquistare/vendere/monitorizzare titoli e fare b/b a 7ettede per la Co.Olletta :tomato:
Dispongo di un login e di una pass per accedere alla posizione e di una matrice di valori che mi vengono chiesti di volta in volta come pass dispositiva; non mi ritengo al sicuro da pirati informatici ma non sono preoccupato.

Invece sento la mancanza di una carta di credito ricaricabile legata ma indipendente dal conto, dove poter riversare man mano le somme di cui voglio usufruire......sto usando postepay, ma mi ha già rotto le bip-bip.

User avatar
Mano[FA]
Moderator
Moderator
Posts: 2158
Joined: Oct 2004
Location: UK

Post by Mano[FA] » 23/10/2007 12:48

7ede_o.O wrote:La cosa FONDAMENTALE è NON usare la carta di credito su internet. Io ne uso una messa a disposizione da Unicredit, si chiama quickweb, è ricaricabile e se mi sniffano il numero al massimo si fanno quei 20 euro che ci lascio sopra ogni tanto quando incasso da ebay. Ma non usare mai la carta di credito che pesca direttamente dal conto corrente!!!
Quindi quando la usi? Al ristorante?????? nei negozi???? ma te la vedono! Possono fare acquisti per te!! Te la possono clonare, vendere...
Se un sito internet e' serio fa fare la transazione ad una banca, e il sistema e' tale percui non c'e' un operatore che "copia" i numeri. Certo non comprerei su pornosexy.com
Se loro ti perdono il numero loro rispondono. O la VISA (o altro istituto di credito) ti rimborsa.

A me da molto piu' fastidio lasciare numero di carta quando prenoto un albergo, o una macchina a noleggio (se devo lasciare il numero ad un operatore, che se lo scrive da qualche parte...)

Piuttosto controlla il conto. Se c'e' una discrepanza fallo notare ed avrai indietro i tuoi soldi.
Io uso Fineco, e ad ogni transazione mi arriva un sms (se la transazione non l'ho fatta, mi attivo per bloccare).
Fineco non usa un Token (una password per entrare, un'altra per fare disposizioni), quella che uso qui in UK neppure (un sistema piu' complesso per entrare, mi chiedono solo alcune lettere di una password in modo che, se fossi "spiato" non potrebbero riloggarsi)

Come ho letto da qualche parte, la maggior fonte di insicurezza e' spesso tra la tastiera e la sedia.

assicurati che il sistema che usi sia sicuro (niente virus et similia), evita di usare l'account da computer non fidati, controlla il conto.

Una volta leggevo la storia di un che faceva frodi con le carte di credito. Sapete come otteneva i dati? Li chiedeva ai possessori della carta fingendosi il portiere dell'albergo, chiacchierandoci al bar dopo avergli fregato il portafogli e via dicendo.

User avatar
P-Dave
Veteran
Veteran
Posts: 1444
Joined: Oct 2006
Location: Torino

Post by P-Dave » 23/10/2007 12:52

quella che uso qui in UK neppure (un sistema piu' complesso per entrare, mi chiedono solo alcune lettere di una password in modo che, se fossi "spiato" non potrebbero riloggarsi)
E' lo stesso che usa la Banca Sella. In piu' quando c'e' da cambiare i codici te li fanno inserire tramite tastierino a video per evitare i keylogger.

User avatar
Ufo_Robot_o_O
Veteran
Veteran
Posts: 1999
Joined: Apr 2003
Location: Brescia

Post by Ufo_Robot_o_O » 23/10/2007 14:28

P-Dave wrote: per evitare i keylogger.
Bravo, il mio timore maggiore sono i keylogger. Può essere un buon mezzo per fregarti, no? E dall'alto della mia ignoranza è anche l'unico che mi viene in mente.
Image

User avatar
Maloghigno
Administrator
Administrator
Posts: 4522
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Maloghigno#2220
Contact:

Post by Maloghigno » 23/10/2007 14:31

Quindi quando la usi? Al ristorante?????? nei negozi???? ma te la vedono! Possono fare acquisti per te!! Te la possono clonare, vendere...
Se un sito internet e' serio fa fare la transazione ad una banca, e il sistema e' tale percui non c'e' un operatore che "copia" i numeri. Certo non comprerei su pornosexy.com
premettendo che non ho ancora sperimentato pornosexy.com, ti dico che NON ho la carta di credito tradizionale (non mi serve, quindi non la uso), ho solo quella ricaricabile.
Sono sicuro che un utente esperto e smaliziato come te, Mano, non corre rischi di alcun genere ad usare la carta su internet... ma purtroppo sei un'eccezione. Non ti sto prendendo in giro, dico sul serio. Mia moglie insegna ad usare il pc a molte persone che magari imparano da lei anche ad accenderlo. In generale quindi mi sembra un consiglio saggio quello della prudenza, non tanto forse per il rischio di essere fregati quanto per il rischio (molto più pericoloso) di fare errori anche solo fidandosi del sito sbagliato.
Poi son d'accordo con te: il rischio in negozio o al ristorante è uguale se non maggiore... l'unica cosa da fare è tenere sempre sotto controllo i movimenti del conto.
Image

User avatar
Sky79_o.O
Fo.Orum PRO
Fo.Orum PRO
Posts: 1580
Joined: Feb 2003
Location: Brescia

Post by Sky79_o.O » 23/10/2007 15:08

E' una cosa risaputa,la carta di credito legata direttamente al conto non va mai usata in Internet.
Io ho attivato l'invio di SMS sul cell per ogni movimento della mia carta di credito,ho attivato l'invio di mail per ogni movimento della mia carta di credito,ho attivato tramite la banca che alcuni massimali non posson oessere sbloccati se non da me...nonostante tutto in internet uso una carta Visa prepagata.
Il bancomat o la carta di credito te le possono clonare ovunque:al bar,al ristorante,pure allo sportello bancomat della tua banca questo lo si sà,va a fortuna ma cmq in un mondo vasto e immenso come internet bisogna semrpe coprirsi di +,perchè basta uno davvero in gamba con il computer e i siti "seri" se ne vanno a putt :censored: cmq
Image

User avatar
Mano[FA]
Moderator
Moderator
Posts: 2158
Joined: Oct 2004
Location: UK

Post by Mano[FA] » 23/10/2007 15:32

Sky79_o.O wrote:E' una cosa risaputa,la carta di credito legata direttamente al conto non va mai usata in Internet.
Proprio di questo vorrei discutere.
E' una cosa risaputa. Da chi? Chi l'ha detto? Quali argomentazioni ha portato? Quali statistiche? Quali prove?
Di cose risapute ce ne sono un sacco: I videogiochi causano eccessi di violenza, masturbarsi rende ciechi, gli OGM fanno male, il telefonino fa venire il cancro e non ci sono piu' le mezze stagioni.
Fatti, non pugnette!
Anche a me piacerebbe sapere se e' vero (e non perche' in teoria lo potrebbe essere) avere dei confronti (frodi in internet vs frodi in real life) e capire le cause (gente che lascia il numero di carta di credito per registrarsi ad un anonimo sito per maggiorenni o database violati, numeri utilizzati per fare spese e mai piu' ridati ai proprietari?)
Onestamente di notizie serie a riguardo ce ne sono poche, e non conosco nessuno a cui abbiano fregato soldi perche' ha usato la carta in internet.

Posso capire 7ede che non si fida della carta di credito in se (anch'io a volte mi meravglio che 2 numeri siano sufficienti per avere credito), ma sono invece scettico verso questa "cosa risaputa" per la quale non ho mai trovato alcuna conferma. Al limite, al contrario, i dati dicono che le frodi alle carte di credito avvengono nella vita reale. Quindi non pagate al ristorante con la carta, o fatelo solo se potete farlo via internet dal vostro portatile!!!!

Non voglio essere antipatico, ma se avete prove del perche' e del percome, sarei interessatissimo.
Last edited by Mano[FA] on 23/10/2007 18:25, edited 1 time in total.

User avatar
Lysor_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 2447
Joined: Dec 2002
Location: Milano

Post by Lysor_o.O » 23/10/2007 18:08

Io so che una possibile fonte di furti è data dalle aziende che salvano su hard disk i dati delle transazioni e poi quando buttano gli hard disk non si occupano di cancellarli (e in realtà, a voler fare i pignoli, anche un singolo format non basta, per essere sicuri bisognerebbe riscrivere il disco anche più di 5 volte). Se qualcuno mettesse mano a quegli hard disk, potrebbe ottenere facilmente tanti numeri di carta di credito.

La transazione in sè invece è sicura: quando su Explorer compare il lucchetto in basso, per dire che è una connessione protetta, non c'è nulla da temere: se anche qualcuno (in pratica, il provider) volesse intercettare tutti i dati scambiati, avrebbe più probabilità di vincere 3 volte di seguito al Superenalotto piuttosto che riuscire a decifrare il contenuto. Certo, resta valido il discorso del pornosexy.com: la crittografia garantisce che nessun'estraneo possa leggere il numero, ma se quello a cui lo diamo è un truffatore...

Però per i ladri c'è un grosso problema: se avessero in mano la carta, l'oggetto concreto, potrebbero entrare in un negozio, comprare, falsificare la firma e farla franca (il proprietario della carta, comunque, dovrebbe essere assicurato contro eventi simili e venire risarcito). Se invece riescono solo a rubare il numero, e non fisicamente la carta, sono costretti a comprare via Internet, e cioè a lasciare una qualche traccia che conduce a sè. Se compro qualcosa e me lo faccio spedire a casa, devo lasciare il mio nome e il mio indirizzo, il che significa che appena il proprietario si accorge di spese non autorizzate la polizia mi becca al volo. Ricarico il cellulare? La SIM è intestata a me, mi beccano. Mi abbono a un sito porno? Mi beccano dall'IP.

Insomma, rubare il numero della carta è già difficile, ma poi usarlo senza farsi beccare è ancora più difficile. Certo, si può usare il numero di carta per mettere dei soldi sul proprio conto, poi estinguere subito il conto (ritirando i contanti) e scappare. Cosa che riesce molto meglio se si è all'estero, magari in un paese che non collabora con tribunali stranieri. Però non è banalissimo.
Se invece si usa la carta di credito nella realtà, c'è il rischio che la clonino: a quel punto possono comprare qualcosa, e chi s'è visto s'è visto. Quindi direi anche io che è più sicura su Internet che non nell'uso "materiale".

Del resto non ho mai conosciuto nessuno a cui abbiano rubato qualcosa grazie al numero della carta. Invece, di persone a cui abbiano clonato la carta ne ho conosciute.
Image
Tu vedi delle cose e chiedi: perché? Ma io sogno di cose che non ci sono mai state, e che forse non ci saranno mai, e dico: perché no?
--- Wolfgang Güllich

User avatar
Sky79_o.O
Fo.Orum PRO
Fo.Orum PRO
Posts: 1580
Joined: Feb 2003
Location: Brescia

Post by Sky79_o.O » 23/10/2007 18:32

Mano[FA] wrote:
Sky79_o.O wrote:E' una cosa risaputa,la carta di credito legata direttamente al conto non va mai usata in Internet.
Proprio di questo vorrei discutere.
E' una cosa risaputa. Da chi? Chi l'ha detto? Quali argomentazioni ha portato? Quali statistiche? Quali prove?
Di cose risapute ce ne sono un sacco: I videogiochi causano eccessi di violenza, masturbarsi rende ciechi, gli OGM fanno male, il telefonino fa venire il cancro e non ci sono piu' le mezze stagioni.
Fatti, non pugnette!
Anche a me piacerebbe sapere se e' vero (e non perche' in teoria lo potrebbe essere) avere dei confronti (frodi in internet vs frodi in real life) e capire le cause (gente che lascia il numero di carta di credito per registrarsi ad un anonimo sito per maggiorenni o database violati, numeri utilizzati per fare spese e mai piu' ridati ai proprietari?)
Onestamente di notizie serie a riguardo ce ne sono poche, e non conosco nessuno a cui abbiano fregato soldi perche' ha usato la carta in internet.

Posso capire 7ede che non si fida della carta di credito in se (anch'io a volte mi meravglio che 2 numeri siano sufficienti per avere credito), ma sono invece scettico verso questa "cosa risaputa" per la quale non ho mai trovato alcuna conferma. Al limite, al contrario, i dati dicono che le frodi alle carte di credito avvengono nella vita reale. Quindi non pagate al ristorante con la carta, o fatelo solo se potete farlo via internet dal vostro portatile!!!!

Non voglio essere antipatico, ma se avete prove del perche' e del percome, sarei interessantissimo.
Detto fatto:

dal sito Unione Consumatori" http://www.consumatori.info/index1.php?aid=50

Le frodi via Internet con le carte di credito

Una ricerca sulle frodi con le carte di credito via Internet è stata svolta dall' "Osservatorio permanente sull'usura e la criminalità economica" della Camera di Commercio di Milano, che enumera quattro tecniche per acquisire illecitamente i numeri delle carte di credito, utilizzandoli poi fraudolentemente per fare acquisti sempre tramite Internet.

La prima tecnica, anche se meno frequente, consiste nell'intercettazione del numero durante una transazione conclusa via Internet nel momento del passaggio di tale informazione dal consumatore al venditore.

La seconda, quella più usata, consiste nella violazione dei database di chi vende servizi o prodotti via Internet, per accedere ai numeri delle carte di credito immagazzinati. In questo caso, la principale responsabilità è spesso dello stesso venditore che non si dota di efficienti strumenti e software di protezione dei dati conservati nel database.

La terza tecnica prende il nome di "credit card cramming", ovvero l'acquisizione del maggior numero possibile di dati e numeri di carte di credito, attraverso raggiri o comunque comportamenti scorretti: in alcuni casi, viene richiesto il numero della carta di credito con la scusa di verificare la maggiore età dell'utente prima di autorizzare l’accesso a qualche sito, specie per adulti. In altre situazioni sono le stesse imprese che, dopo essere fallite, cessano la loro attività su Internet e traggono profitti dalla vendita dei dati raccolti nel frattempo.

La quarta tecnica prende infine il nome di "carding matematico" e consiste nella produzione di numeri di carte verosimili, attraverso programmi capaci di riprodurre la numerazione usata dalle principali società emittenti di carte di credito. Come difendersi?

L'Osservatorio della Camera di Commercio di Milano fornisce anche alcuni suggerimenti. Il consumatore dovrebbe innanzitutto verificare che il browser di navigazione sia impostato in modo da ricevere le notifiche dei messaggi inerenti alla sicurezza; dovrebbe poi verificare che il fornitore abbia un recapito fisico e non solo una e-mail; dovrebbe inoltre affidarsi principalmente a società e fornitori che fanno ricorso ad un sistema di protezione delle comunicazioni con i loro clienti; infine, dovrebbe stampare e conservare una o più copie dell'ordine stesso.

Per quanto riguarda, invece, i venditori via Internet, per evitare truffe dovrebbero in primo luogo non accettare alcun ordine se non fornito di tutte le informazioni richieste (compreso numero di telefono e indirizzo). Non dovrebbero inoltre accettare ordini che provengono da indirizzi di posta elettronica gratuiti a meno che il potenziale cliente fornisca anche un indirizzo fisico. Lo scopo è quello di non accettare ordini che provengono da provider non affidabili. In caso di dubbi, si dovrebbe richiamare il numero di telefono che compare nell’ordine compilato per ottenere conferma.

Infine, bisognerebbe verificare da dove proviene la richiesta di fornitura del prodotto (in particolare, i paesi dell'Est Europa presentano un altissimo livello di contraffazione) e ricorrere ad un sistema di certificazione del sito.


Su quest'altro sito ci sono altre spiegazioni con tabelle riguardanti le frodi di carte di credito(vistosamente in crescita)

http://www.tecnoteca.it/tesi/ecommerce/frodi



Domani provo a cercarne altri,ho addocchiato un sito interessante che da alcune dritte su come esser certi del venditore in internet,se riesco sempre domani linko qualcosina :old:
Image

skazzo
Veteran
Veteran
Posts: 1242
Joined: Aug 2003
Location: Sestri Levante (GE)

Post by skazzo » 23/10/2007 21:01

boh nn per togliere nulla però skybs, il primo punto è praticamente impossibile, mai sentito nessuno che sia riuscito a prendere i dati durante la transazione crittografata (e si saprebbe fidati ^^) il secondo si quello è quello di uso + comune ma sai è = al rischio del negoziante che si segna la tua carta, la terza beh.. tu daresti a chichessi ala tua carta di credito per verificare la tua età? chi lo fa se lo merita di farsi fottere i soldi ( è equivalente a chi abbocca alle mail fasulle delle banche che ti chiedono i dati)
la quarta non l'avevo mai considerata.. potrebbe essere possibile questo non lo so ma non è legata alla transazione via internet.. quello è un pericolo che corre chiunque abbia una carta e sia tanto sfigato da essere incapapto in una carta clonata a culo e che corrisponda alla sua...

In pratica a parte i casi di ingenuità l'unico vero problema è la sicurezza con la quale trattano i dati le ditte con le quali fai transazioni.. però se sono ditte italiane e quindi sottoposte alle ns leggi della privacy ti verrebbe quasi da sperare che qualcuno ti fotta i soldi in questo modo perchè gli porti via pure le mutande... se sono ditte estere è duuuura

User avatar
Mano[FA]
Moderator
Moderator
Posts: 2158
Joined: Oct 2004
Location: UK

Post by Mano[FA] » 24/10/2007 11:29

grazie sky per il link

Sono molto d'accordo sui commenti di skazzo. l'unica vera "falla" legata ad internet e' che i numeri delle CC devono essere scritti da qualche parte e quindi potrebbero essere recuperati da malintenzionati (sono abbastanza sicuro che anche molti alberghi si tengono i numeri delle carte date "a mano", ma ammetto che una company che vende via internet ne ha probabilmente di piu').

sul link che hai dato si legge:
Fra le meno allarmiste sono le stime di Visa e Mastercard, secondo cui non vi sarebbe una sostanziale differenza fra frodi tradizionali e frodi on- line (lo scostamento sarebbe intorno allo 0,01% rispetto al totale delle transazioni concluse via Internet); ciò nonostante che le transazioni su Internet causino il 47-50% del contenzioso avente ad oggetto l’uso delle carte di credito

Lo stesso NFC ha provato a tracciare sulla base dei dati raccolti una specie di identikit di chi commette furto d’identità, riconducibile essenzialmente ad una delle seguenti alternative:

* il frodatore che conosce la vittima (il 50% dei furti è commesso da un familiare);
Ripeto che il mio punto non e' dire che le carte di credito siano sicure (ne in internet ne fuori), solo che se decidi di avere e usare una carta di credito, non farti pare per internet (usa la giusta dose di buonsenso)

il bepi
Veteran
Veteran
Posts: 1427
Joined: Mar 2003

Post by il bepi » 24/10/2007 11:32

Non posso che condividere quanto detto da Mano e Skazzo. E' molto più sicuro effettuare transazioni via internet che non al supermercato o in un negozio dove hanno "brevi manu" la tua carta di credito.
Poi è ovvio che bisogna fare attenzione a CHI si danno i dati della propria carta di credito via internet, ma ormai quasi tutti i portali seri utilizzano siti sicuri per le transazioni bancarie.

User avatar
Lysor_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 2447
Joined: Dec 2002
Location: Milano

Post by Lysor_o.O » 30/10/2007 15:01

Image
Tu vedi delle cose e chiedi: perché? Ma io sogno di cose che non ci sono mai state, e che forse non ci saranno mai, e dico: perché no?
--- Wolfgang Güllich

User avatar
Davilaro.Oa
Veteran
Veteran
Posts: 716
Joined: Jul 2007

Post by Davilaro.Oa » 05/11/2007 18:35

A me è capitato spesso di usare la carta online. A parte il fatto che in certi casi è comodissima (mai provato a comprare i biglietti aerei online? stampi la ricevuta e il biglietto te lo danno al check in, si risparmia un sacco di tempo e stress) ma comunque credo che se si tratta di un sito conosciuto non si corrano particolari rischi, tipo io ho comprato su amazon, alitalia e apple. La notifica via sms di cui parlava sky è un ulteriore fonte di tranquillità. Mia madre usa l'home banking x le bollette da una vita e non ha mai avuto problemi. Credo che si tratti solo di usare un minimo la testa prima di decidere a chi dare le informazioni. In più c'è anche paypal che fa da tramite per i pagamenti in molti casi. In questo modo le informazioni non vengono date direttamente. Ormai moltissimi siti lo mettono tra le possibili opzioni di pagamento :air:

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest