Torino 2006 : le Olimpiadi sotto casa

Cinema, Peperoncini, Navi Spaziali, Barbecue, Fisica Quantistica… TUTTO!
Post Reply
User avatar
Maloghigno
Administrator
Administrator
Posts: 4522
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Maloghigno#2220
Contact:

Torino 2006 : le Olimpiadi sotto casa

Post by Maloghigno » 10/11/2005 10:19

Ieri sera ho assaporato per la prima volta l'atmosfera olimpica di Torino, ho assistito ad una partita degli Internazionali di Hockey: Italia-Slovenia. La sensazione dominante, per noi e di sicuro per tutti gli spettatori, era di grandissima curiosità. Dopo anni di cantieri (che ci sono ancora), lavori, strade bloccate, sensi unici, code inverosimili... poter curiosare in uno di questi nuovissimi impianti sportivi se non proprio liberatorio sembrava davvero stra-meritato. :bellali:
Anche la partita ha suscitato col passare dei minuti un interesse sempre maggiore. Sulle prime tutti quei giocatori che si scaldavano muovendosi sul ghiaccio come uno sciame ordinato di pattinatori corazzati sembrava davvero strano, ma anche quello spettacolo é servito a creare atmosfera ed educare l'occhio a seguire il dischetto. Dell'hockey abbiamo capito che vale tutto, non ci sono nè decisioni discutibili nè falli troppo duri. Anzi, quando l'arbitro ha fischiato una "trattenuta" ci siamo chiesti se non fosse impazzito visto che poco prima aveva sorvolato su un sandwich di due giocatori contro uno, spalmato di faccia contro le barriere quindi calpestato mentre cadeva. Ma é liberatorio: finalmente non ci sono le fighettine del calcio che si rotolano per terra mezz'ora per una spintarella, finalmente c'é chi le dà e chi le prende senza fiatare, finalmente vedi gente che fa sport e ci mette il cuore ... e i gomiti, il casco, le spalle... Abbiamo capito che non vale: trattenersi, menarsi con la mazza, farsi sgambetto con la mazza e menare l'arbitro... che senza protezioni in effetti durerebbe molto poco sotto l'urto di quei missili assatanati. Ovviamente con un livello di contatto e di agonismo di base così alto, quando c'é da menarsi non si può fare altro che sferrare al volto un bel cazzottone. E' successo un paio di volte... ma nulla di grave: "gioco troppo violento" e giocatori in castigo per 2 minuti. :menato:
L'Italia ha vinto 2-1, forse meritando, forse no... non lo sapremo mai. Di sicuro la serata é stata un successo, questi mega-palazzi dello sport fanno la loro bella figura ed i cantieri invece che diminuire aumentano. E stamattina a causa dei lavori vicino all'ufficio ho passato mezz'ora d'orologio a cercare posteggio :dho:
Image

User avatar
Derek_o.O
o.O Styler
o.O Styler
Posts: 1103
Joined: Jul 2005
Blizzard BattleTag: Derek#2521

Post by Derek_o.O » 10/11/2005 11:22

Noooo così mi commuovi...un italiano che parla di hockey.... :cry:
Io gioco a Hockey e ti assicuro che il sandwich non é proibito...qualsiasi colpo fatto con il corpo(tranne i gomiti) é regolare...basta che non si eccessivo. Sono invece puniti cose come sgambetti, trattenute, colpi con il bastone ecc.
Mi stupisco che l'italia abbia vinto :mrgreen: . Di solito a hockey non sono un gran che....bon c'é da dire che anche la slovenia non sia una delle favorite :rofl: . Avvicinatevi a questo bellissimo sport che così vedete un po`come si lotta...non come i calciatori fighettine che se non gli danno la sua mega paga non fanno un caxxo :rofl:

Vabbé quando arriveranno ste olimpiadi arriveranno anche squadre importanti....come la Svizzera :klap: :klap: :klap:
Image

User avatar
Lysor_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 2447
Joined: Dec 2002
Location: Milano

Post by Lysor_o.O » 10/11/2005 23:03

A proposito, se vi interessa è possibile iscriversi (http://www.fiammaolimpica.it) per poter fare da tedofori. In pratica, per 500 metri si può portare la torcia olimpica! Prenderanno in totale migliaia di persone, quindi la possibilità di essere scelti c'è. Se vi interessa... :wink:
Image
Tu vedi delle cose e chiedi: perché? Ma io sogno di cose che non ci sono mai state, e che forse non ci saranno mai, e dico: perché no?
--- Wolfgang Güllich

User avatar
Maloghigno
Administrator
Administrator
Posts: 4522
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Maloghigno#2220
Contact:

Post by Maloghigno » 06/12/2005 14:52

L'atmosfera pre-olimpica qui a Torino stanotte ha visto la prima sconfitta dell'Italia.
La disciplina nella quale ci si é misurati in Val Susa é stata quella più brutta: "manganellate".
Non fraintendetemi però, penso che stanotte abbia sbagliato la polizia nel suo duro intervento, ma penso anche che i valsusini abbiano sbagliato molto nella loro protesta.
Impossibile protestare contro un'opera tanto importante per l'Italia intera e per l'Europa, un corridoio di comunicazione che collegherà Lisbona a Kiev, una via di comunicazione che grazie agli sforzi di più governi (iniziò un governo di sinistra) per una volta INCLUDE l'Italia, non la esclude. Questa TAV si DEVE fare, ecco perché tutte le istituzioni sono d'accordo tra loro e risolute, perché al di là delle Alpi i francesi hanno la manina nelle braghe e si titillano perché non vedono l'ora di poter dire "pazienza, si passa al nord".
Ammesso che questo amianto ci sia davvero (quelle stesse montagne sono attraversate da 3 gallerie automobilistiche e almeno due gallerie d'acquedotti per le quali NESSUNO ha mai detto nulla) la protesta e le pretese dei cittadini dovrebbero essere tese ad ottenere la massima sicurezza e la massima attenzione nei lavori... e magari anche la massima celerità nel portarli a termine.
Invece sembra proprio che questi signori facciano i capricci perché non vogliono 10 anni di cantieri e le ruspe sotto casa. Qualcuno ha mai chiesto ai cittadini di Torino se volessero 10 anni di vie chiuse cantieri e sensi unici sotto casa per la metropolitana e le olimpiadi? Qualcuno ha mai chiesto ai miei genitori se volessero l'autostrada a 50 metri da casa e le case popolari a 20? Qualcuno ha mai chiesto alla gente di Borgaro se volesse la discarica e l'inceneritore? Ognuno di voi può fare migliaia di esempi simili... ma potremmo sopravvivere senza strade e senza ferrovie, senza discariche e senza case popolari, senza tralicci e senza mezzi pubblici?
E' la solita storia: si vogliono le comodità, i vantaggi e i soldi senza avere noie.
Sono profondamente dispiaciuto, perché stiamo facendo la figura dei babbaloni ancora una volta, e che a farla siano i miei valligiani mi rattrista ancora di più.
Image

User avatar
CuginoIt
Moderator
Moderator
Posts: 2171
Joined: Dec 2004
Blizzard BattleTag: CuginoIt#2830
Location: München (DE)

Post by CuginoIt » 06/12/2005 17:27

Anche nella mailing list di FAmigghia abbiamo parlato parecchio del problema della TAV.
Non posso non essere d'accordo con 7ede al 100%. Sono dell'idea che spesso la gente si fa manipolare per fanatismi che hanno poco di razionale o per piccoli interessi personali che vanno contro ad interessi collettivi più grandi.
Con questo non voglio escludere che molti dei manifestanti abbiamo dei buoni motivi per manifestare; è solo che sono dell'idea che le grandi opere, se progettate e pensate bene, vanno fatte....
Il tutto sta nell'agire in base all'interesse della collettività (e, per esempio, nel rispetto dell'ambiente) e non nell'improvvisare grandi spese atte solo ad arricchire pochi in modo non del tutto limpido...

Mi scuso per l'off topic,

Qg

User avatar
Mano[FA]
Moderator
Moderator
Posts: 2158
Joined: Oct 2004
Location: UK

Post by Mano[FA] » 06/12/2005 18:36

riporto uno sralcio di una mia risposta

******
Forse sono proprio l'esempio che i media raggiungono il loro scopo ma
riguardo la TAV:

a me sembra comunque un esempio di NIMBY (Not in my back yard) una
sindrome ben sviluppata in Italia per cui qualunque cosa che sia
nell'utilità di tutti a scapito (un po' forse) di pochi i Pochi fanno
scenate atroci e bloccano il tutto. Esempi sono la discarica del
materiale radioattivo in profondità in puglia bloccato da aspiranti
suicida che si sdraiavano sulle rotaie dei treni (così il materiale in
questione è sparso in 1000 discariche di superfice con dubbi standard di
sicurezza) o gli inceneritori... gli aeroporti, le autostrade...

gli ambientalisti francesi, mi dicono, sono d'accordo.

La mail diceva che non risolveva il trasporto pedonale, ma quello che so
dai mezzi di comunicazione, il lavoro è dichiaratamente per le merci e
per mettere su ferro molto del trasporto su gomma. Il che mi pare
un'ottima idea.

[...]
******

concordo con 7ede e credo che, se sicuramente questo progetto non è PERFETTO (come nulla del resto), bloccarsi è peggio che andare avanti.
Ma si sa: "si stava meglio quando si stava peggio"....

User avatar
Lysor_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 2447
Joined: Dec 2002
Location: Milano

Post by Lysor_o.O » 06/12/2005 22:02

Io ancora non ho capito perché tutta la schiera di sindaci e compagnia bella di autorità non sia stata presa a calci in culo, e sono buono. Che le masse possano essere stupide ci sta, ma che anche le autorità facciano proteste d questo tipo è inaccettabile. Concordo pienamente con voi, la TAV si DEVE fare. C'è un articolo sul Corriere di oggi in cui gli ecologisti francesi parlano a favore della TAV. Chissà perché i Verdi all'estero sanno dire cose intelligenti e in Italia riescono solo ad essere dei mocciosi petulanti. Sinceramente spero in un intervento deciso che ponga fine una volta per tutte a tutte le contestazioni.
Image
Tu vedi delle cose e chiedi: perché? Ma io sogno di cose che non ci sono mai state, e che forse non ci saranno mai, e dico: perché no?
--- Wolfgang Güllich

User avatar
Shogun_o.O
Veteran
Veteran
Posts: 1311
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Shogun#2764
Location: Piacenza

Post by Shogun_o.O » 07/12/2005 13:36

Si è partito dalle Olimpiadi e si è arrivati alla TAV :asd:
Bhè su quest'ultima c'è poco da dire... una protesta del genere può farla Lega Ambiente, può farla Greenpeace, può farla la LIPU, ma NON devono farla assolutamente i grandi partiti (come in realtà sta succedendo); e questi sono i risultati. Quello che succede sono pure e semplici manovre politiche, e per questo perdono di significato. La TAV si deve fare e si farà, lo sviluppo non si può fermare perchè uno schieramento politico ha deciso di farsi notare in periodo pre-elettorale :roll:

Tornando invece al tema principale, è finalmente giunto il momento! Le Olimpiadi nella patria del calcio :klap:
Purtroppo sono sicuro che "la moda" passerà insieme alle Olimpiadi, ma sono contento che per qualche mese l'Italia smetterà di discutere sulla nuova fiamma di Beckham (non so come si scrive :asd: ), sugli idioti che vanno allo stadio per fare casino, su Bonolis che lascia SeriaA, sull'uccello di DelPiero... Finalmente si parlerà un po' di sport.
Nei bar, gli allenatori di calcio mancati, diventeranno improvvisamente esperti di atletica leggera, a Passaparola smetteranno di fare domande sul calcio e chiederanno invece chi era Fosbury e si discuterà sulla pettinatura di Plushenko... magari salterà fuori il nonnetto che da piccolo sapeva fare un triplo lutz :laugh:
Certo, tutto ciò è destinato a finire: l'anno prossimo nessuno ricorderà più niente, il pattinaggio tornerà a essere uno sport da finocchi, l'atletica leggera diventerà nuovamente uno sport palloso, l'hockey lo vedremo soltanto nei videogiochi, per non parlare del lancio del peso :asd: Ma il calcio rientrerà finalmente nelle nostre case a 3€ a partita!.
Viva l'Italia e viva le Olimpiadi! :ola:

User avatar
Maloghigno
Administrator
Administrator
Posts: 4522
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Maloghigno#2220
Contact:

Post by Maloghigno » 13/02/2006 10:10

9 FEBBRAIO 2006

La tensione olimpica é salita in modo esponenziale nell'ultima settimana. Per dovere di cronaca devo dirvi che non sono sicuramente tra i più "caldi" ed interessati, soprattutto perché hanno chiuso delle corsie nei percorsi che faccio abitualmente in città per andare e tornare da lavoro... con conseguente sensibile aumento del traffico.
Ma la città é addobbata a festa (anche se alcuni addobbi sono un pò troppo moderni e difficilmente interpretabili), si vedono gruppi di volontari ovunque, al bar compaiono i primi turisti americani (per la giocia del cameriere che non sa come tradurgli "gnocchi alla bava")... La "finestra" sulle Olimpiadi a me più vicina é rappresentata da una mia collega che farà la volontaria nella cerimonia di apertura. Ha già partecipato a 4 prove, l'ultima ieri sera, le hanno fatto un vestito su misura e sappiamo che la truccheranno molto poco ma in modo che occhi e labbra rosse risaltino il più possibile. Lei sarà una delle 80 ragazze che porteranno i cartelli con i nomi delle nazioni nella parata degli atleti... non sa ancora se le toccherà il Sud Africa o gli Stati Uniti.
E poi qui a Torino proprio oggi arriva la fiaccola che, come dice Luciana Litizzetto, non é un simbolo di pace ma un catalizzatore di negatività: chiunque ce l'abbia con qualcuno o per qualcosa riversa sul tedoforo di turno tutta la sua rabbia. E' una catarsi collettiva, uno sfogo in diretta mondiale: no-tav, no-global, pro-marjuana, anarcoinsurrezionalisti, anarcointransingenti, anarcocomunisti, fondamentalisti, dipendenti Alitalia, dipendenti Olivetti, sindacati autonomi, ultràs del Trapani...
Il mio ufficio é in una delle zone di Torino per natura tra le più congestionate della città: zona ospedali + zona fiere + sbocco della tangenziale + attraversamento del centro... Ed il tedoforo passerà proprio qui davanti al mio ufficio oggi pomeriggio tra le 17:30 e le 18:00 ... non un orario a caso adesso che ci penso... ma certo! E' l'ora di punta!!!
Ieri mi ha chiamato un amico di Bardonecchia e mi ha chiesto: "venite su?" . Non ho pensato neanche per un attimo alla possibilità di guardare le olimpiadi dal balcone di casa, respirare l'aria dell'evento olimpico, vedere gli atleti, i colori... Ho pensato alla coda in autostrada, ai controlli anti-terrorismo, al traffico allucinante, alla marea di gente... gli ho risposto: "col ca***!". Poverino, c'é rimasto male.
In compenso, come ha scritto ieri Gramellini su La Stampa, da Torino sono scomparsi criminalità, spaccio, taccheggio... quasi auspicava un'Olimpiade permanente. E certo, ci sono talmente tante forze dell'ordine che i criminali se ne sono andati non per paura, ma per la legge fisica della "incompenetrabilità dei corpi".

Personalmente non vedo l'ora che questa olimpiade inizi, e che finisca.

13 FEBBRAIO 2006

Oggi le Olimpiadi sono in pieno svolgimento. Dopo la fantastica cerimonia d'apertura (seguita per metà dalla pizzeria e per metà dal letto) sinceramente non ho più avuto sentori dell'evento. Temevo per stamattina, dovendo rientrare in ufficio, ma la città sembra davvero cambiata ed ho posteggiato l'auto dopo appena mezz'ora di tragitto: é record.
Ho sentito i miei amici di Bardonecchia: sono affranti perché non c'é turismo. Il paese é per metà stracolmo di atleti, e l'altra metà strabordante di forze dell'ordine. Non si sa se uno spiegamento tanto imponente serva come deterrente al terrorismo o sia una gigantesca operazione anti-droga nel mondo dello snowboard. Comunque i posti letto son finiti, quindi niente giapponesi assatanati. Mah...
Image

User avatar
mirino
Veteran
Veteran
Posts: 1314
Joined: Sep 2005
Location: Turin

Post by mirino » 21/02/2006 15:37

L'altro giorno in radio ho sentito un tizio che chiamava dall'Alta Valle di Susa, lamentandosi perché dei turisti e degli affari d'oro delle attività commerciali non ce ne è traccia.
Poi ha spiegato perché: i (pochi) hotel/residence della Valle sono stati riservati alle forze dell'ordine (carabinieri, polizia, finanza, forestali, ecc.) e agli alti papaveri del CIO. I turisti giungono da Torino, qualcuno addirittura da Milano, in treno, vengono presi dalle navette e portati negli impianti di gara.
Finita la gara, vengono "tradotti" di nuovo tutti sulle navette, e via in stazione per riprendere il treno.
I commercianti restano con le vetrine piene.

Questo è quello che riferiva lui, non ho modo di controllare perché anche io, come 7ede, mi sono ben guardato dal recarmi nelle zone olimpiche (mio fratello no, sta facendo tour de forces per guardare quanti più eventi possibile, dallo short track, allo slittino - si è visto il trionfo di Zoeggeler, alla combinata nordica).
Proprio oggi ho ricevuto la mail che segue, ne ignoro la fonte:

Questi occhi hanno visto cose che voi umani non potete neanche immaginare...
ho visto italiani mettere il tricolore alla finestra ma non rendersi conto che attaccato all'asta non ci va il rosso
ho sentito gente chiedere quale fosse la "canzone" cantata dalla bambina all'inaugurazione
ho sentito altri rispondere che quella "canzone" è l'Inno di Mameli
ho sentito ribattere che "tanto me lo scarico da Internet..."
ho visto il Presidente Ciampi tenere il discorso di benvenuto agli atleti là dove, qualche mese fa, si diceva
" venghino signori venghino! Le cassette di mele ve le metto a 1 euro e poi me ne vado..."
ho sentito mia nonna spiegare a un canadese che la bagna cauda " a l'è mej d'i sanguiss cun la sautisa e la maioness"
ho visto gente allagare casa e poi aprire le porte del frigorifero per giocare a curling in cucina
ho visto gli spazzini alle 2 di notte
ho visto i tram passare ogni 3 minuti
ho capito che se il Trentino fosse Stato indipendente col cavolo che vinceremmo medaglie
ho capito che "Casa Russia" non è solo un film
ho sentito due tedeschi parlare in inglese con un giapponese e commentare che "yesterday Bode Miller wasn't so good"
ho visto gente (di chiare origini bolzanine) stare in coda delle ore per il concerto di "Cianne Morand"
ho visto il mio macellaio organizzare un torneo di short track nella cella frigo
ho sentito un russo dire che "io Villaggio Olimpico bello così mai visto in vita mia"
ho sentito un californiano dire che dell'Italia conosceva solo Roma e Firenze ma Torino "anche se first time qui, mi piace molto molto molto"
ho capito il vero spirito olimpico: una bandiera keniota a un balcone del Villaggio Olimpico
ho visto i torinesi tornare ad amare la loro città
ho capito che per 16 giorni possiamo fregarcene se al telegionale i polli hanno il raffreddore, Prodi e Berlusconi si rigano la macchina e degli scalmanati vogliono bruciare il mondo per dei fumetti danesi mal riusciti
ho visto gente parlare altre lingue innamorarsi dei luoghi della mia città e di questo, forse, ne sono un po' geloso perché, parafrasando Culicchia,Torino è casa mia
ho visto gente in attesa per ore commuoversi per il passaggio di un uomo in tuta con in mano una torcia fiammeggiante
ho visto gente passare in Corso IV Novembre ed essere inesorabilmente attratta ad alzare la testa per guardare il Braciere Olimpico ed essere orgogliosa di essere lì
ho sentito un giornalista televisivo pelato e con gli occhiali passare la linea a Casa Italia a "Palazzo" Valentino
ho visto gente accorrere in piazza per festeggiare a occhi lucidi,sventolare la bandiera e cantare "Fratelli d'Italia" per un meranese che ha vinto l'oro e...
e tante altre cose ci sono ancora da vedere, sentire e capire.

Questa l'aggiungo io:
Ho visto il proprietario della trattoria dove vado a pranzo (che conosce bene inglese e tedesco) vacillare quando sono entrati 3 tizi con la tuta "Kazakhistan" parlandogli in russo stretto......
E' qua che dovrei scrivere qualcosa di furbo... ?

User avatar
snuffz
Veteran
Veteran
Posts: 4380
Joined: Jan 2003
Location: Torino
Contact:

Post by snuffz » 24/02/2006 10:37

Carolina Kostner
Copio/incollo da La stampa.
Daccordo al 100% con l'articolo, e completamente in disaccordo con tutti quelli che oggi alla radio hanno detto "Comunque Carolina conquista un ottimo nono posto". Ma vafff.........
TORINO. Quasi si scusa, con una mano sul petto a controllare il fiatone e l'altra a salutare, moscia. Carolina Kostner si costringe a un giro d'onore, almeno lo abbozza. Non ha fatto quello che poteva, su 11 salti ne ha abbozzati 9 e ci ha incespicato sopra.
Carolina Kostner nel programma libero


Punteggio basso 153.30 contro i 173.11 del suo personal best, nona.

A musica spenta, rimane stretta in un abbraccio parlato con il suo allenatore che la sposta letteralmente dalla pista e l'accompagna all'angolo kiss & cry. Lì la catechizzano per dieci minuti, ben oltre i voti presi con rassegnazione. Coach e coreografa si improvvisano psicologi: parole e pizzichi alle braccia, poi qualche risata e Carolina esce mentre sopra la sua testa arrotolano gli striscioni. «Carolina sindaco», Carolina cuori, pupazzi e un finale a testa bassa.

«Non so che dire, auguro a chiunque faccia uno sport di provare queste emozioni e spero almeno che a qualche bambina guardandomi sia venuta voglia di pattinare». Stritola una bottiglietta d'acqua semivuota e fa saltare l'elastico del body sulle dita mentre ripete frasi da ambasciatore e spera di scappare in fretta.

«Non mi piace parlare in pubblico, se potessi cambiare una cosa di queste Olimpiadi toglierei tutte le volte che ho dovuto stare davanti ai media. Non fa per me, non sono da prima pagina. Ma questo non c'entra con la pressione. Chiedete ai ragazzi della velocità come è stato il tifo in casa». A lei ha fatto un altro effetto, l'ha prima stravolta e poi svuotata: «Sono arrivata a questa serata deconcentrata, dopo l'errore nel corto ho un po' perso l'assetto. Se non sei in gara per una medaglia hai un approccio diverso, non tieni la stessa energia.

La tensione la sente la Slutskaya che lotta per vincere. Io non la sentivo più». Si dà un voto fra il sette e l'otto, senza convinzione. Non vuole crocifiggersi in diretta tv e va larga. «Ora finalmente mi godo le Olimpiadi, andrò a vedere la finale della staffetta di short track, mi dicono tutti che questi Giochi sono elettrizzanti e io non ho ancora assaggiato nulla».

Un nono posto scialbo, ha recuperato solo due rivali. Miki Ando, la ragazza manga che prova a strafare e piomba sul ghiaccio dopo il quadruplo salchow. E Elene Gedevanishvili, una sedicenne che registra il record personale anche se le manca il programma per stare in alto. Tutte le altre le restano davanti.

Vince Shizuka Arakawa, prima giapponese a prendersi questo oro alle olimpiadi, lo fa a sorpresa con l'espressione grave e il numero perfetto. Irina Slutskaya lascia le lame sul pavimento, era la favorita e prende un bronzo, dietro pure all'americanina mignon Sasha Cohen che va insieme all'inizio del programma, capitombola e tira fuori una ripresa da grandi nervi. La zarina nemmeno si infila i copripattini, fugge dal divanetto rosso, dribblando le telecamere e il sorriso che si era incollata per aspettare il giudizio cede in un ringhio.

E' caduta, ha rallentato, è finita dietro come sempre capita alle russe. Il titolo delle donne non lo prendono mai. Hanno vinto tutti gli altri nel pattinaggio di figura, ma Irina cede e con i suoi 27 anni non ci potrà riprovare più. Non era facile stare in piedi. Una serata tesa, con spettatori nervosi. All'inizio passano in dodici e nessuno applaude, disinteresse generale, giusto un minuto di partecipazione per Silvia Fontana prima a esibirsi e prima a piangere. Saluta e se ne va e per una buona ora il pubblico dedica la stessa attenzione a chi gareggia e a chi risistema il ghiaccio con la cazzuola tra un gruppo e l'altro.

Si accendono quando compare Carolina con i capeli tirati, niente coreografia in testa, ciocche legate in uno chignon semplice. Salta fin dalla prova in pista stavolta, inizia con un doppio poi un triplo e poi un altro ancora, alla fine sono sette balzi prima ancora che cominci la gara. Nel riscaldamento di martedì non si era staccata mai dal ghiaccio mentre assaggiava il Palavela ed era uscita per prima, rivestita dall'allenatore e corsa via.

Stavolta guarda la tribuna e lascia sfilare avanti le compagne di turno, per un attimo sembra determinazione. Giusto per un attimo.

User avatar
Maloghigno
Administrator
Administrator
Posts: 4522
Joined: Dec 2002
Blizzard BattleTag: Maloghigno#2220
Contact:

Post by Maloghigno » 14/02/2008 21:30

Lo ammetto, all'inizio l'ho preso come uno scherzo. Poi quasi mi ha commosso.
E' il video con cui è stata presentata Torino, come sede delle olimpiadi.
Ammetto anche un pò di campanilismo... perchè come ha detto Chiambretti: "Torino non è più una città grigia, ma grigio metallizzato".
Troppo spesso noi Torinesi siamo i primi ad essere scettici e freddi nei confronti della nostra bella città.
Sabato ho preso la nuova metropolitana, che tanto ci ha fatto sclerare nel traffico nei mesi passati. In meno di dieci minuti ero in centro. Una metro senza guidatore, pulita, silenziosa, veloce, precisa. Uno spettacolo. Poi abbiamo passeggiato nel centro, bellissimo, ma già lo sapevo.
Chiudo qui, lasciandovi il link al filmato.
http://it.youtube.com/watch?v=JbQV6KGoaEI
Image

User avatar
CuginoIt
Moderator
Moderator
Posts: 2171
Joined: Dec 2004
Blizzard BattleTag: CuginoIt#2830
Location: München (DE)

Post by CuginoIt » 05/01/2010 12:29

Sono passati anni e sembra che molte strutture siano state abbandonate nel degrado... Mi fa tristezza leggere questo articolo:

http://www.repubblica.it/2010/01/sport/ ... ianti.html

User avatar
Canard Favrille
Veteran
Veteran
Posts: 509
Joined: Oct 2006
Location: davanti al PC

Post by Canard Favrille » 05/01/2010 14:36

A me ha fatto molta più tristezza 4 anni fa vedere di persona il pressapochismo e il vuoto decisionale e amministrativo. Poi é nevicato, la neve ha coperto tutto, compreso lo schifo. Le olimpiadi si sono svolte, tutti felici e sorridenti siam tornati a casa orgogliosi.
Un paio di palle. Uno spreco di denaro pubblico immenso. Io ho lavorato 12 ore al giorno, per due mesi costantemente sotto zero. Ed ero trattato come una merda.
Intorno a me gente che non faceva un cavolo da mattina a mattina ( 4 ore se va bene ) ed era trattata con i guanti di velluto.
Però é toccato a me spiegare ad una giornalista Giapponese che il pulman che l'avrebbe dovuta portare all'aeroporto alle 6 di mattina, come era scritto nella brochure che gli era stata data mesi prima dal TOROC, in realtà non esisteva.
Hanno speso miglioni per fare le piste e le strutture olimpiche. Non hanno speso nemmeno un euro per dotare i vari paesi di fermate dell' autobus protette da pensiline. Alla fine cosa sarebbe stato più utile ?

Dal 2006 guardo con occhio molto diverso queste manifestazioni sportive...... :tsk:

Post Reply

Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest